CAORLE: MARE E NATURA

IL MARE DI CAORLE, IL SUO CENTRO STORICO E LA SUA LAGUNA

Caorle è stata una delle mete estive che più mi hanno stupito. Non sono particolarmente amante dell’Adriatico e del suo mare, per cui non avevo grandi aspettative su questa località.
La prima volta ci sono andata ad agosto 2015 con i miei bambini (6 e 4 anni), con la mia amica Arianna e con la sua bambina di 6 anni. Essendo due mamme sole con tre bambini, cercavamo un posto comodo da raggiungere dalla Brianza, mare decente, spiaggia organizzata e negozi vicini. Ci hanno parlato di Caorle e, dopo aver trovato un appartamento nel nostro budget, abbiamo prenotato per la prima settimana di agosto.
Anticipo solo che questa vacanza è piaciuta così tanto a me e ai bambini che a settembre 2015 ci siamo tornati un weekend anche con il papà!

CAORLE: DOVE ALLOGGIARE

Caorle non è una località economica: ad agosto i prezzi sono alti e, se il budget è limitato, la soluzione ideale è quella di cercare un buon appartamento. Tra l’altro questa è una soluzione comoda e non ci dispiace affatto perché permette di avere orari elastici e stare in spiaggia più a lungo alla sera, quando gli ospiti degli hotel se ne tornano in camera per prepararsi per la cena: questo è il nostro momento preferito per goderci la spiaggia e il mare!
Il territorio di Caorle è ampio ed è suddiviso in località: Caorle, a sua volta differenziata nella zona della spiaggia di Levante e di Ponente, Lido Altanea, Porto Santa Margherita e Duna Verde.
Io e la mia amica abbiamo cercato un appartamento sul sito www.caorle.it e, per essere comode, abbiamo scelto di soggiornare in centro: il nostro era un trilocale in via della Serenissima vicino alla spiaggia di Ponente e a due passi dall’area pedonale  dove si concentrano negozi, locali e supermercati e soprattutto vicino al centro storico vero e proprio di Caorle.
Quando ci siamo tornati col papà, abbiamo scelto ancora questa zona ma stavolta abbiamo pernottato presso l’Hotel Marco Polo (a settembre i prezzi sono decisamente più abbordabili).

CAORLE: IL CENTRO STORICO

Il centro storico di Caorle è l’elemento distintivo di questa località rispetto alla maggior parte delle altre località dell’Adriatico: è tutto tranne che anonimo e scontato.
Passeggiare nel centro di Caorle comporta avere a portata di mano la macchina fotografica sempre: case colorate, angoli suggestivi, stretti vicoli in cui è bello perdersi, la piazza Vescovado con il Duomo di S. Stefano e lo splendido Campanile cilindrico del XI secolo sul quale si può salire pagando pochi euro (nel 2015 adulti 3 euro e bambini gratis) per godere di una vista spettacolare sul mare e sulla città.
Il Duomo di S. Stefano merita una visita: costruito in stile romanico con influenza bizantina, è ricco di dipinti e affreschi e possiede un bellissimo crocefisso.
Mangiando un bel gelato, è un piacere perdersi tra un vicolo e l’altro, curiosando le vetrine o fotografando gli angoli più suggestivi, soprattutto alla sera quando Caorle diventa vivace e dinamica.

  laguna caorle

laguna caorle

CAROLE: MARE E SPIAGGIA

Entrambe le volte che siamo stati a Caorle il mare ci ha sorpreso in positivo: non è certo come quello della Sardegna o della Sicilia, ma non è neanche come quello della Riviera Romagnola. Abbiamo trovato acqua pulita e abbastanza limpida, diciamo piacevole sia per gli adulti che per i bambini.
Per quanto riguarda la spiaggia ci sono un pò di considerazioni da fare: quando vado in vacanza con mio marito il nostro ideale è la spiaggia selvaggia e non attrezzata, ombrellone nostro e salviettoni a terra.
Nel momento in cui sono in pratica costretta a pagare una spiaggia attrezzata in quanto si sa che ad agosto in certe località è improponibile andare nelle spiagge libere (che poi in genere sono anche lontane) sarebbe meglio trovare una spiaggia che ripaghi della cifra abbastanza alta che viene spesa! Ad agosto 2015 siamo stati una settimana nella spiaggia di Ponente del comparto N. 3 e non l’abbiamo trovata per niente organizzata: il bagnino non c’era mai,  zero attività o iniziative per bambini, ognuno doveva aprire l’ombrellone da solo (e per le donne non è così facile) ma cosa più spiacevole sono stati dei furti anche nei nostri confronti con conseguente menefreghismo del personale quando è stato fatto presente. In pratica per noi la spiaggia è stata molto deludente, niente a che vedere con l’organizzazione che hanno le spiagge della Romagna (noi abbiamo provato quelle di Rimini e Bellaria) nonostante la cifra pagata sia pressoché simile.
Per quanto riguarda il servizio di emergenza in mare, niente da dire:il bagnino era sempre presente e vigile.

laguna caorle

A settembre siamo stati nella spiaggia di Ponente dell’hotel Marco Polo per un giorno mentre un altro giorno siamo andati in quella di Levante: molto più ampia di quella di Ponente ma essendo fuori stagione non abbiamo potuto appurare se ci fosse qualcosa di organizzato oppure no.

laguna caorle  laguna caorle

laguna caorle

 

CAORLE: IL LUNGOMARE E LA SCOGLIERA VIVA

La Scogliera Viva di Caorle inizia nei pressi della fine di Via della Serenissima, quindi molto vicina a dove alloggiavamo noi: si tratta di una bella passeggiata lungomare che termina nella piazzetta dell’antica chiesa della Madonna dell’Angelo, affiancata da una scogliera molto particolare in quanto i suoi massi sono stati impreziositi da opere di numerosi scultori internazionali: grazie all’idea dello scultore trevigiano Longo, questa passeggiata offre così una particolare galleria d’arte a chi la percorre, un museo a cielo aperto dove le opere sono le sculture ricavate in blocchi pietra posti a difesa dai flutti del mare.
E’ divertente percorrerla con i bambini individuare quante più opere possibili e “giocare” con esse: c’è un trono su cui sedersi, grandi pesci, un grande naso con cui scherzare, animali di tutti i tipi, sirene, il sole,….
Senza neanche accorgersene si arriva fino al Santuario della Madonna e, volendo, di qui si può proseguire nella zona della spiaggia di Levante.
Una bellissima passeggiata, soprattutto alla sera.

laguna caorle  laguna caorle

laguna caorle  laguna caorle

CAORLE: LA SUA LAGUNA E I CASONI

Se siete in vacanza a Caorle non fermatevi al solo mare perchè basta davvero poco per estraniarsi dalla vita balneare e trovarsi in un altro mondo, immersi nella natura e nella storia di questa città: la laguna di Caorle con i suoi Casoni, le antiche abitazioni di canna palustre che un tempo venivano costruite ed abitate dai pescatori, è davvero un posto che vale la pena di essere scoperto! Il premio nobel per la letteratura Ernest Hemingway rimase così affascinato da questi posti che gli dedicò alcune pagine del suo libro ‘Di là dal fiume e tra gli alberi’ .

laguna caorle  laguna caorle

Ci sono diversi modi per esplorare questa zona e noi ne abbiamo provati due: ad agosto abbiamo scelto la motonave mentre a settembre la bicicletta. Le angolazioni e le visuali sono completamente diverse ed entrambe le esperienze sarebbero da provare!
Con la motonave ci si può addentrare nella laguna ed esplorarla fino al suo incontro con il mare, ammirando anche la splendida oasi naturalistica di Caorle alla foce del canale Nicesolo, mentre andando in bicicletta si può godere in pieno dell’emozione di addentrarsi tra i Casoni stessi fermandosi ogni volta che si vuole.

laguna caorle  laguna caorle

Per la motonave, i biglietti sono in vendita presso l’Ufficio  informazioni di Caorle: la motonave si chiama Arcobaleno e parte dal porto dei Pescatori di Caorle tutti i giorni, mattino e pomeriggio.  Per gli orari meglio consultare il sito o chiedere all’Ufficio Informazioni. Il costo è di 15 euro per gli adulti e 8 euro per i bambini dai 2 agli 8 anni. Portatevi un cappellino, la crema solare e acqua da bere perché il sole picchia forte e l’escursione dura 2 ore e mezzo circa.

Per quanto riguarda la bicicletta, ci sono diversi hotel che offrono il servizio noleggio biciclette, spesso anche gratuitamente. Noi a settembre abbiamo sfruttato questo servizio, portando con noi solo le biciclette dei bambini e utilizzando per noi quelle dell’hotel Marco Polo.

laguna caorle

 

In entrambi i casi l’esperienza è davvero unica ed emozionante: la laguna è un’oasi protetta dove regna la pace e la tranquillità. In motonave si possono percorrere fino a 24 chilometri di canali navigabili mentre in bicicletta ci si trova immersi in una ricca vegetazione con tanti sentieri che costeggiano i canali. Nella laguna sono ospitate diverse specie di animali, soprattutto si possono ammirare molti uccelli; le uniche tracce di presenza umana sono rappresentate dai caratteristici Casoni che ancora si nascondono tra la vegetazione. Attualmente solo un Casone è abitato tutto l’anno da un pescatore ed è possibile visitarlo con l’escursione in motonave.
E’ possibile visitare anche altri Casoni: quando ci siamo stati a settembre in bicicletta siamo entrati in uno dove il proprietario tiene gli animali oltre che un piccolo museo al suo interno dove sono stati racchiusi oggetti del passato.

laguna caorle  laguna caorle
laguna caorle  laguna caorle

CAORLE: LE LOCALITÀ’ DELLA SPIAGGIA DI PONENTE

Ad agosto 2015 grazie all’iniziativa “Instagrammiamo Caorle”, abbiamo potuto esplorare in bicicletta le zone che si affacciano sulla spiaggia di Ponente. Abbiamo noleggiato le bici presso il noleggio Da Fiammetta in Viale Santa Margherita e con guide del posto abbiamo costeggiato un tratto di argine del fiume Livenza, arrivando fino al traghetto che porta a Porto Santa Margherita.
Le zone che si trovano dopo il traghetto sono molto più tranquille rispetto al centro di Caorle: c’è tanto verde, poca storia e in gran parte si tratta di aree con hotel e appartamenti turistici.
La pista ciclabile è ampia e collega Porto Santa Margherita alle altre due località, Duna Verde e Lido Altanea.
Queste zone sono adatte a chi ricerca la pace e il relax mentre sono assolutamente da evitare se si è alla ricerca di vita notturna!

laguna caorle  laguna caorle

 CAORLE: INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

Oltre al mare, ai giri in bicicletta nella laguna o alla scoperta della città, a Caorle ci sono altre alternative per rendere interessante e divertente il vostro soggiorno.
Uno di questi è il Parco Acquatico Acquafollie, nel quale noi non siamo stati ma di cui abbiamo sentito parlare bene.
Se avete voglia invece di cultura, Venezia non è così lontana! Anzi, in alternativa alla macchina, vengono organizzate escursioni in giornata in bus e vaporetto (nel 2015 costavano 25 euro a testa) oppure sul sito Visit Caorle sono riportati altri modi per raggiungere questa città.
Sempre sul sito Visit Caorle si possono trovare altre idee su cosa fare e vedere in zona oppure vi consiglio di fare un giro all’Ufficio del Turismo in Rio Terrà, 3 e chiedere a loro informazioni e materiale turistico.
In ogni caso il mio consiglio è quello di non fermarsi al solo mare ma di esplorare quello che c’è attorno, immergendosi nel suo centro storico e nella sua bellissima natura!
Tornerete da Caorle con la certezza di aver scoperto una località in cui vale assolutamente la pena tornare!

laguna caorle

 

Print Friendly, PDF & Email
By | 2017-03-29T08:06:10+00:00 gennaio 24th, 2017|destinazioni italia, Mare, Veneto|4 Comments

About the Author:

daichepartiamo

Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

4 Comments

  1. Consorzio Arenili Caorle febbraio 8, 2017 at 12:04 pm - Reply

    Gentile Sara,
    Le scriviamo dal Consorzio Arenili di Caorle, ente che si occupa della cura della spiaggia.
    La ringraziamo per questo articolo, siamo felici che la città, il mare ed i servizi vi abbiano colpiti positivamente ma siamo anche dispiaciuti e stupiti nel leggere della vostra esperienza negativa in spiaggia.

    Come Consorzio Arenili ci occupiamo dell’erogazione dei servizi in spiaggia con grande attenzione alla soddisfazione dei clienti, per questo vorremmo far presente sia a lei che ai lettori del suo blog che per quanto riguarda il servizio spiaggia (ombrellone e sdraio), la maggior parte degli alberghi e delle agenzie di affitto appartamenti di Caorle lo includono gratuitamente nel prezzo (la lista delle strutture aderenti è visibile sul sito di Caorle Spiaggia). Questo lo reputiamo un grande valore aggiunto nonché un vantaggio competitivo di Caorle rispetto ad altre località balneari della costa adriatica, che invece lo fanno pagare a parte. A tal proposito siamo certi che l’Hotel Marco Polo lo offra gratuitamente, non possiamo dire lo stesso per l’appartamento non sapendo presso chi sia stato prenotato.
    In ogni caso le aree di spiaggia libera sono distribuite lungo tutto l’arenile e anche in corrispondenza delle aree attrezzate (alle spalle della fila di ombrelloni del Consorzio) dove, se lo si desidera, è possibile posizionarsi con il proprio ombrellone.

    In merito al personale in spiaggia, la presenza dei bagnini è sempre assicurata dal 1 giugno al 15 settembre dal mattino al tardo pomeriggio con personale per il salvataggio in mare, bagnini in spiaggia, assistenza infermieristica e il nuovo servizio di steward (dal 2016). Nello stesso periodo per i bambini dai 3 agli 11 anni abbiamo un servizio baby sitting gratuito il mattino dalle 9.30 e il pomeriggio dalle 16.00 che si svolge presso alcuni uffici spiaggia strategici sia a Ponente che a Levante (4-7-11) mentre per gli adulti organizziamo giornalmente corsi di aerobica, acquagym e risveglio muscolare, sempre gratuiti.
    Se voleste verificare orari e tutte le informazioni del caso, li trovate sul nostro sito.

    Come accennavamo all’inizio siamo molto attenti alla soddisfazione dei nostri clienti (soddisfazione che teniamo sotto controllo attraverso questionari distribuiti e raccolti dal personale in spiaggia) per questo vi segnaliamo la mail [email protected] a cui potete scrivere con i vostri feedback, dettagliando meglio la vostra esperienza, in un’ottica di verifica e miglioramento dei servizi.

    Con la speranza di potervi ospitare nuovamente a Caorle in futuro per trascorrere altre vacanze in famiglia sulla nostra spiaggia, le auguriamo una buona giornata.

    Consorzio Arenili Caorle

    • daichepartiamo
      daichepartiamo febbraio 9, 2017 at 7:41 am - Reply

      Buongiorno è davvero un piacere ricevere questo Vostro riscontro. Chissà mai che in futuro potremo tornare a Caorle a verificare i servizi di altre spiagge. Come scritto nel mio post l’unica spiaggia che abbiamo potuto testare per un tempo sufficiente è stata la spiaggia del comparto N. 3 di Ponente ad agosto 2015 (la spiaggia del Marco Polo ci siamo stati una sola giornata in bassa stagione quindi difficile valutarla). Qui purtroppo abbiamo rilevato le carenze descritte nel post. Speriamo che le nostre osservazioni per quanto riguarda questo servizio in spiaggia un pò deludente (quello in mare è stato perfetto) possano servire per migliorare l’unico lato negativo di una bellissima vacanza a Caorle!
      Buona giornata
      Sara

  2. Paola giugno 9, 2017 at 6:21 am - Reply

    Ciao. Un articolo interessante noi saremo a caorle a fine agosto e mi piacerebbe visitare i casoni in bicicletta. Secondo voi è fattibile con una bimba di 1 anno? Sono aperti tutti i giorni le case museo? Altri consigli?

    • daichepartiamo
      daichepartiamo giugno 9, 2017 at 7:23 am - Reply

      Ciao! La bimba di un anno la potete mettere nel seggiolino della bici, poi basta non andare in orari caldissimi ed è fattibile! anche perchè la zona dei casoni è molto ombreggiata, la parte al sole è quella per arrivarci…
      Per quanto riguarda i casoni: la volta che ci siamo stati in motonave ne abbiamo visitati due aperti la seconda volta in autonomia ne abbiamo trovato aperto solo uno… questo credo sia sempre aperto o comunque sempre se c’è il proprietario!
      Anche nel caso fossero chiusi è comunque bellissimo questo giro, sembra di essere catapultati in un altro mondo!

      Se vi piace andare in bicicletta vi consiglio anche l’altro nostro giro ad esplorare la zona di Duna Verde.

      Poi ovvio non perdetevi il centro perchè è molto bello, di sera poi ancora di più!

Leave A Comment