MAZARA DEL VALLO: ALLA SCOPERTA DELLA SICILIA OCCIDENTALE

DORMIRE IN UN ANTICO BAGLIO SICILIANO A MAZARA DEL VALLO

mazara del vallo baglio bambini
Mazara del Vallo è stata la prima tappa del nostro viaggio siciliano di settembre 2016.
Siamo partiti da Bergamo-Orio al Serio e con la Ryanair siamo atterrati a Palermo, dove abbiamo noleggiato una macchina per raggiungere la meta prescelta.
Se dobbiamo essere sinceri, la scelta di Mazara del Vallo è stata puramente tattica: cercavamo una zona comoda per raggiungere la zona occidentale e meridionale della Sicilia senza fare troppi chilometri. Dobbiamo dire che invece questa città, che doveva semplicemente una base di appoggio,  è stata una vera e straordinaria scoperta. Stavolta la nostra guida di viaggi preferita, la Lonely Planet, non ha reso il giusto merito a questa città: forse a sua discolpa bisogna dire che è solo nel corso degli ultimi anni che questa città ha subito una importante riqualificazione grazie ad un’amministrazione comunale attenta e oggi questa città ha molte cose da offrire.

MAZARA DEL VALLO: LA SCELTA DI DORMIRE IN UN BAGLIO

Durante la ricerca della struttura in cui dormire, abbiamo scoperto l’esistenza di particolari strutture chiamate bagli, tipici di questa zona della Sicilia e l’idea di dormire in una struttura caratteristica ci è subito piaciuta. Ci siamo informati e abbiamo scoperto che un baglio è una struttura nata come masseria fortificata che un tempo serviva alla difesa dai briganti e al suo interno ospitava aziende agricole appartenenti a famiglie di proprietari terrieri medi e grandi. I bagli sorgevano in campagna ed erano abbastanza lontani dalle città: per questo motivo, oltre ai proprietari terrieri e alle loro famiglie, ospitavano anche i contadini che vi lavoravano stagionalmente o tutto l’anno e i loro animali in modo che non dovessero tornare ogni volta in città. Queste strutture erano dotate quindi di diversi alloggi e molte di esse sono state ristrutturate e adibite a b&b.
Il baglio da noi scelto è stato il Baglio Calia,  che si trova fuori dal centro di Mazara del Vallo in una zona molto tranquilla. Per raggiungere il centro e le spiagge serve la macchina (si può parcheggiare gratuitamente all’interno del baglio).
Il baglio è stato totalmente ristrutturato: mantiene uno stile rustico ma funzionale, con diverse stanze dotate dei moderni comfort.
Il proprietario, il Sig. Vito Calia, accoglie gli ospiti facendoli sentire a casa propria: appena siamo arrivati, ci ha gentilmente spiegato la storia del suo baglio e di come l’ha trasformato in una struttura ricettiva. Ci ha spiegato che la nostra stanza si trovava nell’antica stalla e ci ha condotto alla scoperta delle funzioni originarie dei vari locali della struttura. Questo baglio è molto pulito e curato; oltretutto è molto adatto ai bambini, per gli ampi spazi esterni del cortile e per la piscina che non è profonda e quindi sicura per loro.
Infine molto importante: la colazione è super!

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini

MAZARA DEL VALLO: IL MARE

Il mare di Mazara del Vallo è molto bello: ci sono diverse spiagge ma noi siamo stati nella spiaggia più adatta ai bambini, la Tonnarella.
Questa spiaggia, in parte libera e in parte attrezzata con anche diversi locali dove mangiare o bere qualcosa, ha un fondale basso con sabbia bianca fine e acqua pulitissima azzurro cristallino.

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini

MAZARA DEL VALLO: UNA PIACEVOLE SCOPERTA

Pensavamo di dedicare poco tempo a questa città, ma abbiamo deciso di fidarci del signor Vito che per convincerci ci ha anche organizzato una interessante visita guidata del centro città con un suo amico, il signor Antonio: con lui siamo partiti alla scoperta del suo centro storico e della sua storia (il centro si visita tranquillamente tutto a piedi). La guida ci ha spiegato come questa città, grazie ad un’attenta amministrazione comunale degli ultimi anni, sia cambiata, migliorandosi e rendendosi sempre più sicura e interessante per i turisti che la visitano.
Tutti i siti di proprietà comunale sono visitabili gratuitamente e questo a nostro avviso è un grande esempio di cultura messa a disposizione di tutti.
Abbiamo iniziato la visita da Piazza della Repubblica dove si trova la Cattedrale del Santissimo Salvatore (era chiusa e non l’abbiamo visitata all’interno ma a quanto ci ha spiegato la guida questa chiesa è difficilmente visitabile) oltre a bellissimi palazzi.

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini
Ci siamo diretti poi verso Piazza Plebiscito. Qui si trova la chiesa sconsacrata di Sant’Egidio al cui interno è stato allestito il Museo del Satiro, un piccolo museo che vale la pena di essere visitato in quanto conserva al suo interno un patrimonio unico al mondo: il Satiro Danzante, statua bronzea greca, di epoca presumibilmente ellenistica, pescato dal mare in zona Mazara del Vallo da pescatori del posto nel 1998. Oltre al satiro nel museo sono conservati altri reperti e diverso vasellame provenienti dalle acque antistanti la costa di Mazara del Vallo. Non perdetevi il video introduttivo che spiega le fasi che vanno dal ritrovamento al restauro del Satiro.
Siccome il museo è regionale, per accedervi si deve acquistare un biglietto di ingresso (6 euro per gli adulti e gratis i bambini).

mazara del vallo baglio bambini
Appena fuori dal museo del Satiro siamo entrati nel Collegio dei Gesuiti, un edificio dalla struttura monumentale e in stile barocco, con all’interno un cortile di forma quadrangolare sul quale si affacciano le sale che oggi ospitano il Centro Polivalente di Cultura. Sempre in Piazza Plebiscito siamo entrati a vedere quello che rimane della Chiesa di Sant’Ignazio: questa chiesa, crollata nel 1933, è stata messa in sicurezza e riaperta al pubblico. Non costa nulla accedervi ed è piacevolmente suggestiva per la mancanza della copertura.

mazara del vallo baglio bambini  

La guida ci ha poi portato a visitare la chiesa più particolare che abbiamo al momento visitato, la Chiesa di San Francesco: anche se poco segnalata, andateci perché vi toglierà letteralmente il respiro!

mazara del vallo baglio bambini
La guida ci ha mostrato il teatro Garibaldi ovvero il teatro del Popolo, quasi interamente  realizzato in legno, accessibile sempre gratuitamente e recentemente restaurato.
Vicino al lungomare si trovano poi i resti del Castello normanno del Conte Ruggero, suggestivo quando è illuminato alla sera.

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini

Lasciamo in ultimo la parte che ci ha più meravigliato e colpito di più: la Kasbah, qui sta il cuore della città. Un labirinto di vicoli stretti che si intrecciano e che un tempo facevano parte del centro della città saracena. Questa zona della città, un tempo poco sicura e degradata, ora è stata resa sicura per il posizionamento di telecamere di sicurezza. Inoltre è stata riqualificata: i vicoli sono stati ripuliti e decorati con ceramiche artistiche, opera di diversi artisti locali, che con i loro colori danno un carattere forte a quest’area della città. Non lasciate Mazara senza esservi fatti trasportare dalle opere e dai messaggi che gli artisti hanno sapientemente dislocato per la città!

mazara del vallo baglio bambini

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini

mazara del vallo baglio bambini  mazara del vallo baglio bambini

 

mazara del vallo baglio bambini

MAZARA DEL VALLO: I DINTORNI

La città di Mazara del Vallo è tattica e permette di raggiungere diverse località, spiagge e siti di interesse.
Purtroppo noi abbiamo sbagliato a prenotare solo tre notti in questa zona, fidandoci di quanto riportato sulla Lonely Planet ci sembravano più che sufficienti: se possibile prenotate qualche giorno in più in modo da riuscire a vedere più cose.
Sicuramente una tappa deve essere il sito archeologico di Selinunte. Usciti dal sito archeologico noi ci siamo rilassati nella spiaggia adiacente al sito, la suggestiva spiaggia di sabbia rossa di Lido di Zabbara: da qui si può ammirare il sito archeologico da un’angolazione diversa. Dopo aver visto il sito di Selinunte, fate una visita alle Rocche di Cusa per scoprire l’origine del materiale usato per i templi.

mazara del vallo baglio bambini
In un’ora e mezza di macchina da Mazara si può raggiungere la Valle dei Templi di Agrigento, uno dei siti archeologici più importanti al mondo e quello più importante della Sicilia.

mazara del vallo baglio bambini

Quando ci siamo stati noi, abbiamo approfittato per fermarci al ritorno in un luogo davvero unico: la Scala dei Turchi, a Realmonte, ovvero una parete rocciosa di calcare bianchissimo che contrasta in modo affascinante con il blu del mare.

mazara del vallo baglio bambini
Ci siamo fermati anche a vedere la spiaggia di Eraclea Minoa segnalata sulla Lonely Planet ma questa spiaggia a noi non è piaciuta. Ci sono spiagge che meritano molto di più come quelle di Porto Palo, di Sciacca e di Tre Fontane.
Infine da Mazara si possono raggiungere facilmente Marsala e Trapani e da qui partire per le isole Egadi.

 

Per noi Mazara del Vallo è stata una piacevolissima sorpresa: una città tutta da scoprire e non un semplice punto tattico di appoggio. Nel caso vogliate visitare la Sicilia sud-occidentale tenete questa città in considerazione, visitate i suoi dintorni e siamo sicuri che non ne rimarrete delusi!

Print Friendly, PDF & Email
By | 2017-04-28T10:35:03+00:00 gennaio 16th, 2017|Città, destinazioni italia, Mare, Sicilia, Siti Archeologici|0 Comments

About the Author:

daichepartiamo

Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

No Comments

  1. Serendipitsite gennaio 18, 2017 at 8:12 pm - Reply

    La Chiesa di Sant’Ignazio è un posto super suggestivo 😍😍😍
    Credo di avere fatto decine di foto 😂

Leave A Comment