UN’IMMERSIONE TOTALE NEL PIANETA BLU DELL’ACQUARIO DI GENOVA

LA VISITA ALL’ACQUARIO DI GENOVA E ALLA BIOSFERA CON I BAMBINI

visita acquario di genova con bambini

Tutte le volte che andiamo in Liguria nei pressi di Genova i bambini chiedono di tornare a vedere il suo Acquario. L’hanno già visitato sia con visita guidata che con visita individuale ma tutte le volte per tutti noi è un piacere accontentarli.
Così anche questa domenica, mentre eravamo al mare a Varazze per il weekend, abbiamo deciso di fare un salto a Genova e tuffarci nuovamente nel mondo sottomarino del suo magnifico acquario.
Siccome nelle nostre precedenti visite non eravamo ancora riusciti a vedere la Biosfera, quest’anno abbiamo deciso di visitarla insieme all’Acquario ed è stata una piacevole sorpresa.
In questo post vogliamo raccontarvi tutto quello che c’è da sapere sull’Acquario e sulla Biosfera, che si trovano entrambi nell’area del Porto Antico di Genova.

visita acquario di genova con bambini

L’ACQUARIO DI GENOVA: IL PERCORSO

L’acquario di Genova è l’acquario più grande di Europa: ben 27.000 mq di superficie espositiva in oltre 70 ambienti, con 12.000 animali presenti provenienti da tutti i mari del mondo e una grande varietà di ecosistemi acquatici.

Il percorso inizia nella nuova sala, il Pianeta Blu, dove si assiste alla proiezione di uno spettacolare video proiettato su un grande schermo: una bellissima sequenza di immagini sul tema marino per spiegare l’importanza del mare come mezzo di comunicazione e dell’acqua per la vita.

visita acquario di genova con bambini

La visita prosegue nella Grotta delle murene, una vasca cilindrica alta oltre 6 metri dove insieme alle murene nuotano buffi scorfani. In questa sala si trova anche un simpatico polpo che spesso passa inosservato a causa dell’imponenza della vasca delle murene.
Il percorso porta poi a conoscere gli imponenti lamantini, una specie a grave rischio di estinzione. I lamantini possono essere visti sia nel piano inferiore mentre nuotano in acqua, che nel piano superiore dove si può accedere con una passerella in prossimità della zona esterna a loro destinata.

visita acquario di genova con bambini

I nostri figli rimangono sempre incantati nella vasca successiva, la baia degli squali: qui nuotano maestosi i predatori del mare insieme ad altre specie di pesce come i pesci sega.

Altra tappa immancabile è quella presso la vasca delle simpatiche foche, alcune delle quali sono nate proprio nell’Acquario di Genova mentre altre sono state abbandonate dalla madre in natura e salvate dall’uomo.Come nel caso dei lamantini, anche questa vasca è visibile anche al secondo piano dell’Acquario, tramite una passerella che consente di vedere le foche quando si trovano fuori dall’acqua.

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

Io adoro invece i pinguini: nell’acquario di Genova possono essere osservati i pinguini Papua e i pinguini di Magellano. La vasca a loro dedicata può essere vista da diverse angolazioni girandoci attorno.

visita acquario di genova con bambini

Il pezzo forte dell’Acquario è secondo noi il recente Padiglione Cetacei, progettato da Renzo Piano e terminato nel 2013: quattro vasche a cielo aperto che ospitano un nucleo di tursiopi (delfini costieri) alcuni dei quali provenienti da altri parchi come Gardaland. Il padiglione permette di vedere questi splendidi esemplari su due livelli: il percorso fa prima vedere il livello superiore (alle 12 e alle 16.15 si può assistere a questo livello al coreografico pasto dei delfini) e in seguito quello inferiore, dove grandissime pareti vetrate e un tunnel subacquee di circa 15 metri permettono di osservare i delfini da una prospettiva subacquea e in posizione molto ravvicinata. Inutile dire che da questo padiglione è difficile portare via i bambini!

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

Per fortuna che poi il percorso prosegue in un’altra area da cui è difficile farli allontanare… inizia infatti il Padiglione Biodiversità, con la sua vasca tattile, dove è possibile accarezzare alcuni esemplari di razza: purtroppo le bestiole non sono così felici di essere toccate e scappano dalle grinfie dei bambini. Immancabilmente ce ne andiamo con i bambini fradici per gli innumerevoli tentativi con tanto di rischio di volo in vasca incluso (io comunque sono riuscita ad accarezzarne una ahah). Questo padiglione ospita anche una vasca con le specie tropicali e un’area educativa dove è possibile addentrarsi nella ricostruzione di una porzione scogliera corallina.

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

Un’area molto interessante è quella della foresta tropicale, un ambiente con un’elevata biodiversità: qui si possono ammirare rane, testuggini, pesci, gechi,… nonchè il primo muro vegetale realizzato in Italia, progettato dall’architetto francese Patrick Blanc, composto da oltre 150 piante tropicali fissate in tasche ricavate in uno strato di feltro.
Il padiglione Biodiversità termina con la sezione espositiva che rende omaggio ai grandi esploratori e naturalisti del passato.

A pagamento è possibile poi visitare il giardino tropicale “Un battito d’ali” ovvero un ambiente che riproduce una foresta centroamericana dove si possono osservare piante tropicali, uccelli, anfibi, rettili e colorate farfalle.

Un’altra sala molto coreografica dell’Acquario è quella delle meduse: così temute in acqua ma così affascinanti in “vetrina”. Uno spettacolo incredibile da vedere!

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini
Il percorso termina con il mondo dei coralli e delle scogliere coralline: tre piccole vasche, in una delle quali si può osservare la fluorescenza dei coralli.

L’ACQUARIO DI GENOVA: LE NOVITA’ 2017

Quest’anno all’interno del Padiglione Biodiversità è stata dedicata una sezione al mondo dei rettili, degli anfibi e dei progetti di conservazione e recupero in cui è impegnato l’Acquario: serpenti ritrovati in fiumi e porti e affidati alle cure dell’Acquario.
L’area ospita inoltre anche rettili provenienti da diverse zone africane e la vasca dedicata al progetto di conservazione della testuggine palustre ligure Emys orbicularis ingauna.
Nella laguna Tropicale invece sta nuotando temporaneamente Elica, la tartaruga Caretta caretta affidata all’Acquario per le cure necessarie dopo lo scontro con un’imbarcazione.

Il Giardino tropicale “Un battito d’ali” quest’anno si è arricchito invece di alcune rane, tra le più velenose al mondo, e di un giovane esemplare maschio di camaleonte (Furcifer pardalis).

Fino al primo maggio, l’Acquario offre ai visitatori uno speciale appuntamento con gli esperti della durata di circa 15 minuti, per raccontare le storie particolari di questi esemplari, i relativi progetti di conservazione e recupero e le cure che lo staff dedica a questi animali.Questo appuntamento è compreso nel biglietto di ingresso e si svolge tutti i weekend e giorni festivi, compreso il periodo delle vacanze pasquali, dalle ore 12 alle 14 nell’area dei rettili e dalle ore 14.15 alle 16 nel Giardino tropicale.

visita acquario di genova con bambini

L’ACQUARIO DI GENOVA: LE INSTALLAZIONI

Lungo il percorso dell’Acquario si trovano due installazioni interessanti.
La prima installazione, permanente e a pagamento (3 euro adulti e 2 i bambini), è la Sala degli Abissi: 8 poltrone con audio e visori dotati di realtà virtuale, che per circa 3 minuti fanno vivere l’esperienza di una vera e propria immersione.
La seconda installazione, gratuita, è quella che ha tenuto impegnati i nostri figli per un bel pò di tempo: si tratta di un simpatico gioco educativo chiamato Fish Making, che permette di creare un pesce frutto della propria fantasia e inserirlo in un acquario virtuale. Ci sono infatti 9 postazioni di gioco con console e schermo touch, dove è possibile “assemblare” le varie parti del corpo di un pesce scegliendo tra più opzioni di forma e colore; successivamente si può sceglierne il nome e l’ambiente di vita, “introducendolo” in una vasca virtuale. Una volta creato il proprio pesce e deciso dove immetterlo il bambino può scoprire se l’ambiente scelto è coerente con le caratteristiche morfologiche attribuite al pesce. Davvero molto molto carino questo gioco!
Ah…se trovate il pesce “Daichepartiamo” fateci sapere se è sopravvissuto!!!

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

L’ACQUARIO DI GENOVA: COME VISITARLO E COSTI

Noi abbiamo visitato l’Acquario di Genova in diversi modi, uscendone sempre soddisfatti.

Con visita libera quest’ultima volta e la prima, quando i bambini erano troppo piccoli per capire le visite guidate e preferivano solo guardare a bocca aperta le vetrate con i pesci. La visita libera ha una durata molto personale, ma approssimativamente si può dire che ci vogliono circa due ore e mezza per completare l’intero percorso.
I costi per i biglietti sono 25 Euro adulti, 17 Euro ragazzi (4-12 anni), gratis per i bambini (0-3 anni), 22 Euro ridotto (senior, militari, disabili e invalidi con accompagnatore gratuito). Per le famiglie, speciale Sconto dedicato con 1 ingresso ragazzo omaggio, ogni 2 biglietti adulti e 2 biglietti ragazzi acquistati.

Due anni fa invece abbiamo effettuato la visita guidata (Acquario guidato). Purtroppo questa visita non è più disponibile. C’è però ancora una possibile visita guidata per le famiglie che si chiama “L’esperto con te” e al costo di 120 euro (fino a 6 persone) permette di effettuare la visita con un biologo a completa disposizione per sè e per i famigliari o amici. Il percorso comprende sia la visione delle vasche espositive che l’accesso ad alcune aree riservate ed è interessante perché i bambini possono fare tutte le domande possibili e soddisfare la loro curiosità.

Un’altra possibile visita che abbiamo effettuato due anni fa è l’”Acquario dietro alle quinte”: uno speciale percorso a tappe per i bambini dai 4 ai 12 anni accompagnati dai genitori e da un biologo che conduce alla scoperta di aree “segrete” dell’Acquario di Genova, normalmente non accessibili al pubblico.

In occasione delle festività pasquali è prevista una iniziativa speciale chiamata “Una sorpresa nell’uovo”: una visita di un’ora e un quarto che conduce alla scoperta delle uova di alcune delle specie presenti all’Acquario di Genova, dal più piccolo al più grande, con accesso ad alcune aree segrete. Il percorso è previsto nel week end 8-9 aprile, tutti i giorni nel periodo 13-18 aprile e nel week end 22-23 aprile. La partenza è alle ore 11. È acquistabile solo on line, comprensivo di visita all’Acquario di Genova: 33 Euro per gli adulti e 20 euro per i ragazzi (4-12 anni).

L’Acquario prevede diversi incontri settimanali gratuiti con lo staff per scoprire l’Acquario: chiedete sempre il programma della giornata all’ingresso oppure consultate il sito!

E’ possibile abbinare la visita dell’Acquario anche ad altre strutture di Genova come il Galata Museo del Mare, il sottomarino Nazario sauro, la Biosfera, … Tutte le possibili combinazioni di biglietto sono consultabili sul sito.

visita acquario di genova con bambini

LA VISITA DELLA BIOSFERA

Quest’anno noi abbiamo deciso di abbinare la visita dell’Acquario a quella della Biosfera, la spettacolare sfera di vetro e acciaio progettata da Renzo Piano nel Porto Antico di Genova, adiacente all’Acquario. Nella Biosfera si possono osservare flora e fauna appartenenti alle foreste tropicali: ci sono uccelli in libertà, fiori colorati, testuggini, rari esempi di piante tropicali, felci arboree,… Una passeggiata piacevole nella natura tropicale.
La visita dura al massimo 15 minuti e ne vale la pena farci un salto per scoprirla.

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

visita acquario di genova con bambini  visita acquario di genova con bambini

L’ACQUARIO DI GENOVA: DOVE PARCHEGGIARE

Nei pressi dell’Acquario sono presenti diversi parcheggi a pagamento, dai quali si può raggiungere tutto a piedi.

visita acquario di genova con bambini

L’ACQUARIO DI GENOVA: DOVE DORMIRE

Quest’anno abbiamo approfittato di un un weekend balneare per fare un salto a Genova: abbiamo soggiornato presso il Palace Hotel di Varazze, un hotel tre stelle in cui ci siamo trovati molto bene. Da Varazze ci vuole poco più di mezz’ora per raggiungere Genova.
Un altro anno abbiamo invece pernottato direttamente a Genova presso l’hotel No Logo e anche qui ci siamo trovati bene. Questo hotel ha anche camere di 5 o 6 letti per le famiglie più numerose.

 

By | 2017-10-04T10:12:58+00:00 aprile 12th, 2017|Cultura, destinazioni italia, Liguria, parchi, Parchi Italia|30 Comments

About the Author:

30 Comments

  1. La Folle aprile 12, 2017 at 11:02 am - Reply

    Il mio documento dice che ho quasi trent’anni, ma le cose che mi attirano di più in una città nuova sono proprio queste, altro che musei! Mai stata a Genova, e uno dei motivi per cui vorrei andarci è proprio l’acquario. Post interessante e dettagliatissimo, me lo salvo sperando che prima poi esca una gitarella a Genova!

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 11:10 am - Reply

      Si si programma pure una gita! Vedrai che non te ne pentirai! Tutta Genova merita e l’Acquario è una meta imperdibile per bambini ma anche per gli adulti!

  2. Mariacarla aprile 12, 2017 at 11:05 am - Reply

    L’acquario di Genova è veramente bellissimo . Io ci sono andata tante volte e ogni volta l’emozione è tanta

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 11:10 am - Reply

      Proprio come noi! Ci siamo stati tantissime volte ormai!

  3. Carmen aprile 12, 2017 at 1:01 pm - Reply

    Oh che ricordi…è stata la prima gita delle elementari e ricordo ancora che tornai a casa con un poster gigantesco di un pinguino. Io adoro i pinguini, li trovo adorabili!!! Poi sono tornata una decina d’anni fa con mio marito che, nonostante fosse grandicello, non c’era mai stato. Ma ai tempi non era così completo come è oggi. Mi piacerebbe rifarci una visita e abitando a La Spezia potremmo anche andare in giornata ma come sempre le cose a noi vicine vengono sempre rimandate!!! Comunque post super dettagliato!!!

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 1:06 pm - Reply

      E’ vero! A volte si tralasciano le cose vicine! Però se vi capita davvero fateci un salto perchè ci sono state tante novità… se ad esempio non avete visto il Padiglione dei cetacei… quello è assolutamente da vedere!!!

  4. Marina_damammaamamma aprile 12, 2017 at 1:20 pm - Reply

    Che bello l’acquario, prima o poi ci porto mi figlia

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 1:24 pm - Reply

      Ne vale proprio la pena! Se è la prima volta io ti consiglio la visita dietro le quinte!

  5. Girovagandoconstefania aprile 12, 2017 at 3:21 pm - Reply

    Ci sono stata alcuni anni fa ma mi manca la visita alla biosfera 🙂 Quando sono di passaggio a Genova quasi sempre faccio un giro al porto antico perché trovo che sia una zona che hanno riqualificato molto bene.

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 7:46 pm - Reply

      Anche a noi piace tantissimo la zona del Porto Antico. Anche il centro merita comunque!

  6. Valeria aprile 12, 2017 at 5:22 pm - Reply

    Ora capisco perchè è considerato il più bell’acquario di Italia 🙂

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 7:46 pm - Reply

      Eh già! Anche in Europa se la gioca bene!

  7. camilla aprile 12, 2017 at 7:34 pm - Reply

    L’Acquario di Genova è unico. Ci sono stata da bambina, in gita scolastica, con le amiche e poi qualche anno fa con il mio fidanzato, ogni volta è sempre bellissimo tornarci, non ci si stufa mai.
    Anzi mi sa che appena sono in zona, un’altra bella visita me la concedo volentieri 🙂

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 7:48 pm - Reply

      Ogni anno c’è qualche novità… vale sempre la pena tornarci 🙂 A noi piace sempre tantissimo 😉

  8. Claudia B. Voce del Verbo Partire aprile 12, 2017 at 7:39 pm - Reply

    Dovevamo andare nel 2002, quando siamo partiti da Genova per la nostra prima crociera. Ma quella volta non siamo riusciti a combinare gli orari ed è saltata la visita. Mi è rimasta la voglia e la curiosità di vedere con i miei occhi quel mondo sottomarino! Oggi grazie a te, riesco a farmi un’idea precisa della sua grandezza, in attesa di andare di persona.
    Baci,
    Claudia B.

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 7:48 pm - Reply

      Spero tu possa vederlo di persona prima o poi 🙂 !!!

  9. Chiara aprile 12, 2017 at 9:07 pm - Reply

    Ho visitato l’Acquario di Genova qualche anno fa e…mi è piaciuto tantissimo nonostante non sia più una bambina! 🙂 Devo però ancora parlane sul blog!

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 9:13 pm - Reply

      Ci sono state tante novità nel frattempo 🙂 Mi sa che ti tocca un altro gito prima del post 😀

  10. Giulia - cognaThe aprile 12, 2017 at 9:42 pm - Reply

    Io purtroppo ho paura anzi fobia dei pesci.. . Quindi l’acquario non riesco a visitarlo! 🙁 comunque vorrei tornare a genova+ cinque terre.
    Penso che cmq per Pasqua e Pasquetta sia l’ideale!!

    • daichepartiamo aprile 12, 2017 at 9:50 pm - Reply

      Caspita la fobia per i pesci non l’avevo considerata mai!
      Beh si Genova merita comunque per tante altre cose! Le Cinque Terre mancano anche a noi!

  11. Ester aprile 13, 2017 at 8:24 am - Reply

    Ero a Genova lo scorso fine settimana e abbiamo preferito il Museo del Mare, avendo già visitato l’acquario de La Rochelle e di Valencia, ma sono stata tentata 😅
    Mi piace tantissimo l’architettura dell’intero complesso, è un’eccellenza della città a 360°.

    • daichepartiamo aprile 13, 2017 at 8:30 am - Reply

      Noi il Galata Museo del Mare l’abbiamo visitato due anni fa! Bello!
      Comunque se non hai visto l’Acquario di Genova hai una buona scusa per tornarci 🙂

  12. Sono stata all’acquario di Genova diverse volte, sia come gita scolastica che per conto mio. Ogni volta mi emoziono. Mi piace moltissimo ammirare i pesci, conoscere i loro nomi e l’ultimo volta vedere la mamma delfino con il cucciolo. Anche se ormai sono grande, mi sono divertita come una bambina.

    • daichepartiamo aprile 13, 2017 at 8:30 am - Reply

      Cassandra ti capiamo perché anche noi ci emozioniamo come i nostri bambini!

  13. Stefania - A spasso per la Spagna aprile 13, 2017 at 9:05 am - Reply

    La gita più bella che abbia mai fatto con la scuola! Ci sono tornata ovviamente anche da grande ma l’emozione di andarci da piccola, non ha prezzo!

    • daichepartiamo aprile 13, 2017 at 10:06 am - Reply

      Per i bambini è un’emozione incredibile!

  14. In viaggio con Dorothy aprile 13, 2017 at 9:57 am - Reply

    Nonostante io non sia una fan di zoo e acquari. Qua a genova ci sono stata piu di una volta. Credo che per la maggior parte delle situazuoni sia molto curato e nonostante gli animali siano in cattività c’è un gran rispetto fin dai minimi particolari. Ovvio che sarei piu felice se non esistesse, ma almeno è una struttura dove non si bada solo al guadagno ma anche alle creature che ospita. L unica cosa che non condivido assolutamente è l interazione con le razze, ma è solo il mio parere personale ovviamente!

    • daichepartiamo aprile 13, 2017 at 10:05 am - Reply

      Anche noi in genere preferiamo gli animali in libertà. A noi quello che piace dell’Acquario di Genova è la costante ricerca e i progetti di recupero che svolgono per gli animali e le specie in difficoltà.

  15. In viaggio con Dorothy aprile 14, 2017 at 5:55 pm - Reply

    Esatto! Ricordo che non molto tempo fa avevano trovato in mare una tartaruga farita e l’ avevano curata nelle loro sedi, ospitata per il periodo di guarigione e poi rimessa in liberta’! ,questo è piu che ammirevole! 🙂

    • daichepartiamo aprile 14, 2017 at 6:05 pm - Reply

      Si anche adesso c’è Elica in Acquario per essere curata 😉

Leave A Comment