Come organizzare un viaggio a New York con i bambini

COME ORGANIZZARSI A NEW YORK IN FAMIGLIA

DOVE PERNOTTARE A NEW YORK? COME MUOVERSI A NEW YORK? DOVE MANGIARE A NEW YORK? COME RISPARMIARE A NEW YORK?

Questo viaggio l’abbiamo sognato per tanto tempo: ogni volta che qualcuno è tornato da New York abbiamo fantasticato guardando le foto, immaginandoci anche noi nella Grande Mela pensando a quando saremmo riusciti a coronare il nostro sogno.
Non potete immaginare quindi la nostra felicità quando a gennaio abbiamo trovato i voli a prezzi davvero allettanti per questa meta: con circa 1500 euro abbiamo acquistato quattro voli diretti con la Emirates da Milano Malpensa a New York e così il nostro sogno è diventato pian piano realtà!
Il nostro viaggio negli USA ha toccato altre tappe oltre alla Grande Mela. In questo post vi ho già raccontato che documenti servono, come abbiamo organizzato l’itinerario e i relativi costi sostenuti in fase di prenotazione.

organizzare un viaggio a new york con i bambini
In questo post voglio invece concentrarmi sull’organizzazione della parte del viaggio relativa alla sola New York. Voglio raccontarvi come ci siamo organizzati una volta sul posto per poter gestire al meglio il nostro tempo a disposizione cercando di contenere i costi il più possibile. Inoltre voglio anche fare qualche considerazione sulle scelte fatte in fase di prenotazione del riscontro positivo o negativo che poi abbiamo rilevato una volta arrivati a New York. Si perché organizzare una vacanza a New York non è difficile e si può organizzare tranquillamente da soli risparmiando i costi di un’agenzia turistica.
Per organizzarci al meglio, noi abbiamo consultato, ci siamo consultati e anche chiesto il supporto dell’Ente del Turismo di New York.
Può essere utile anche consultare il sito dell’Associazione Visit USA Italia e il blog di Simona Sacri, esperta in viaggi in America.

organizzare un viaggio a new york con i bambini

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: LA SCELTA DELL’ALLOGGIO

La scelta dell’alloggio è stata quella che ci ha preso più tempo. Si perché New York non è cara… è carissima soprattutto se si cerca una camera per 4! I costi degli hotel ci hanno subito fatto spaventare.
Così all’inizio abbiamo pensato ad un appartamento e abbiamo spulciato il sito Airbnb. Non abbiamo proseguito su questa strada per il semplice fatto che abbiamo scoperto che a New York è illegale affittare un appartamento a scopo turistico per un periodo inferiore ai 30 giorni a meno che il proprietario non abbia una regolare licenza (hotel license). In alternativa si potrebbe anche affittare una camera in un appartamento dove vive il proprietario ma l’idea non ci entusiasmava troppo.
In ogni caso non pensate che affittare un appartamento a Manhattan sia più economico di un hotel! Gli appartamenti regolari posti in zone comode hanno prezzi molto alti, quindi la convenienza si avrebbe solo per i pasti.
Così noi abbiamo optato per l’hotel. Nel caso invece voi preferiate affittare un appartamento ricordatevi di chiedere al proprietario prima una copia della sua licenza per evitare di avere problemi una volta sul posto.

Dicevamo che noi abbiamo optato per l’hotel. Abbiamo così monitorato i siti Booking, Expedia e Hotels.com e abbiamo opzionato su Booking un paio di hotel a Long Island City vicini alla metro e con colazione inclusa. La zona di Long Island City può essere una valida alternativa se i prezzi di Manhattan sono troppo elevati: basta prendere hotel comodi e vicini alla metropolitana. Noi ad esempio avevamo opzionato questi hotel:

Alcuni consigliano la zona di Brooklyn ma secondo noi è molto più comoda la zona di Long Island City.

Abbiamo opzionato questi hotel fino a quando magicamente un giorno si è liberata una stanza all’Holiday Inn Express New York City Chelsea e l’abbiamo subito bloccata. La zona di Chelsea è molto comoda e in particolare questo hotel è vicino a due fermate della linea 1 (rossa) e non è lontano dalla linea arancione. Inoltre in una ventina di minuti si può raggiungere a piedi Times Square e in circa 10-15 minuti l’Empire State Building per dire giusto due punti di interesse della città. Non ha le camere grandi, anzi a dire la verità sono grandi il minimo necessario per muoversi. Ma è un hotel pulito, comodo e ha la colazione inclusa (cosa da tenere in considerazione visti i prezzi di New York). Il prezzo per 6 notti è stato di circa 1150 euro tasse escluse (tenete presente che i prezzi su Booking sono tasse escluse).
Siamo rimasti soddisfatti della scelta: niente lusso ma comodità, quello che cerchiamo noi!

organizzare un viaggio a new york con i bambini

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: COME MUOVERSI

Noi abbiamo utilizzato due mezzi a New York: il taxi, la metropolitana (subway).

Il taxi l’abbiamo utilizzato solo per andare dall’aeroporto all’hotel: il costo per i taxi ufficiali gialli dal JFK a Manhattan è di 52 dollari, a cui devono aggiungersi il costo del pedaggio (toll) e la mancia (tips). Spesa totale 72 dollari.

La subway l’abbiamo utilizzata invece per girare in città: la rete non è affatto semplice, 26 linee in tutto e funziona 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. Ci sono tantissime linee che si diramano, contrassegnate da linee e numeri. Inoltre esistono treni express (non fanno tutte le fermate) e treni local (si fermano ovunque). E’ meglio procurarsi una mappa per potersi districare meglio perché ci vuole un attimo prima di capire come funziona l’intera rete. In ogni caso all’interno delle stazioni della subway sono affisse le mappe e possono essere consultate tranquillamente.

Il sito di riferimento della rete dei trasporti è questo.

organizzare un viaggio a new york con i bambini organizzare un viaggio a new york con i bambini

 

Noi per 5 giorni pieni abbiamo fatto la Metro Card illimitata che dura una settimana (unlimited Ride MetroCard) , una carta che permette di utilizzare i mezzi (subway e autobus) illimitatamente per 7 giorni e conviene di solito se si superano le 13 corse totali. Il costo per gli adulti nel 2017 è pari a 31 dollari, ai quali va aggiunto 1 dollaro per l’emissione. Vale per una sola persona (infatti non può essere passata due volte di seguito nella stessa stazione se non dopo almeno 20 minuti). Dal sito sembrerebbe che i bambini debbano pagare se più alti di 44 inches (111-112 cm) ma in realtà a noi è stato detto che i bambini non pagavano (senza misurarli) e non ci hanno mai fatto problemi. Dunque chiedete bene prima di fare loro la carta.

organizzare un viaggio a new york con i bambini
Se non pensate di poter sfruttare la carta illimitata, in alternativa si può acquistare la Metro Card dove si carica il credito di volta in volta.
Esiste anche il biglietto di singola corsa, il Single-ride Ticket (Nel 2017 costa 3 dollari), che permette di effettuare una corsa in metro effettuando i cambi necessari e che scade una volta usciti dalla stazione.

Un’altra cosa molto importante che abbiamo capito sul posto: nel weekend vengono fatti lavori di manutenzione e le linee possono essere chiuse oppure possono essere chiusi singoli tratti e a volte si deve scendere da un treno e prendere un’altra linea. Questa cosa può creare enorme disagio quindi state attenti e controllate i diversi avvisi affissi e ascoltate i messaggi che vengono diffusi nelle varie stazioni della subway.

organizzare un viaggio a new york con i bambini

Messaggio di cambio viabilità affisso nella stazione della Subway

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI:  CHE CARTA TURISTICA ACQUISTARE?

Come in tante città anche a New York si possono acquistare delle carte turistiche per risparmiare sugli ingressi. Non c’è una carta migliore dell’altra: ognuno deve vedere quella che fa al caso suo. Tenete solo presente che gli ingressi alle varie attrazioni e musei sono molto costose e nel caso vogliate visitarne qualcuna conviene valutare l’acquisto di una di queste carte.

NEW YORK PASS

Se siete interessati a fare tante attività e visitare diversi siti, esiste il New York Pass che comprende più di 80 attrazioni saltando la fila ed è valido per il numero di giorni acquistati ( 1, 2, 3, 5, 7 o 10). Questa carta comprende anche i Big Bus Hop-on Hop-off. I prezzi possono essere consultati sul sito e dipendono dai giorni di validità. Non è un pass molto economico ed è conveniente se sfruttato con almeno 2/3 attrazioni al giorno (siete sicuri di farle????).

NEW YORK CITY PASS

Ci sono alternative molto meno costose (che ovviamente offrono meno possibilità) che offrono comunque vantaggi rispetto all’acquisto dei singoli ingressi. Noi abbiamo usato il New York City Pass, un carnet che offre 3 biglietti predefiniti e 3 biglietti a scelta e dura 9 giorni. Per gli adulti il costo è pari a 122 dollari mentre per i ragazzi il prezzo è di 98 dollari.
I tre biglietti predefiniti comprendono:

  • Visita all’Empire State Building
  • Museo americano di storia naturale
  • The Metropolitan Museum of Art

I tre biglietti a scelta permettono di scegliere una tra le seguenti alternative:

  • Top of the Rock Observation Deck o Museo Guggenheim
  • Statua della Libertà ed Ellis Island o Crociere Circle Line
  • Memoriale e Museo dell’11 settembre o Intrepid Sea, Air & Space Museum

IMPORTANTE Prima di acquistare il pass per i bambini valutare in base alla loro età in quali musei o attrazioni pagherebbero perchè ogni sito ha delle sue tariffe e gratuità personali (al MET ad esempio i bambini sotto 12 anni non pagano se accompagnati, al Museo di Storia Naturale si può accedere con offerta libera, …).

NEW YORK C3

Un’alternativa ancora meno costosa (ma ancora più limitata) è il New York C3 che permette di scegliere 3 delle seguenti attrazioni:

  • Visita all’Empire State Building
  • Top of the Rock Observation Deck
  • Museo americano di storia naturale
  • Memoriale e Museo dell’11 settembre
  • Statua della Libertà ed Ellis Island
  • The Metropolitan Museum of Art
  • Crociere Circle Line
  • Intrepid Sea, Air & Space Museum
  • Museo Guggenheim
  • Crociere Turistiche Hornblower

Per gli adulti il costo è pari a 76 dollari mentre per i ragazzi il prezzo è di 56 dollari.

Questi ovviamente sono i pass principali ma ne esistono altri, che dovrete valutare a seconda delle esigenze.

Noi ci siamo trovati bene con il New York City Pass e i 6 ingressi a disposizione ci sono più che bastati visto che, essendo la nostra prima volta a New York, volevamo principalmente vivere la città quindi abbiamo fatto tante passeggiate per i quartieri del centro.

organizzare un viaggio a new york con i bambini

La vista spettacolare dall’Empire State Building

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: INGRESSI GRATUITI NEI MUSEI

Alcuni musei di New York hanno l’ingresso gratuito in determinati giorni della settimana e in determinate fasce orarie. Gli orari sono consultabili sui vari siti e conviene controllarli per organizzare eventualmente la visita in quelle fasce. In questo modo si possono risparmiare soldi ma considerate anche il fatto che in quelle fasce orarie le persone in visita saranno di più e di conseguenza anche le code all’ingresso.
Altri musei invece hanno l’ingresso ad offerta libera: questi musei hanno un listino prezzi ma pagando alle casse è possibile scegliere il prezzo da pagare. Ad esempio rientrano in questa categoria l’American Museum of Natural History e il Metropolitan Museum of Art (MET).

organizzare un viaggio a new york con i bambini

Il museo di Storia Naturale di New York

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: E’ UTILE ATTIVARE UN PIANO TELEFONICO?

Le compagnie telefoniche dispongono di diversi tipi di piani tariffari validi per gli USA. Se non avete particolari esigenze (necessità di chiamare principalmente oppure necessità di avere la connessione dati per poter usare il cellulare come navigatore) prima di attivarne una sappiate che a New York il WiFi FREE è molto diffuso. E’ libero nella maggior parte di musei, dei locali, degli hotel e dei negozi oltre a diverse attrazioni da visitare. Noi siamo riusciti a collegarci quasi ovunque. Quindi valutate la vostra vera necessità prima di spendere soldi inutilmente!

organizzare un viaggio a new york con i bambini

La statua di Alice in Wonderland a Central Park

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: DOVE MANGIARE

Su questo paragrafo sinceramente siamo i meno adatti a dare consigli. Se possiamo risparmiare qualcosa… ecco noi risparmiamo nei ristoranti! Quindi ci sono tantissimi locali molto carini ma dai prezzi eccessivamente elevati per il nostro budget per cui non ci siamo stati. Mangiare a New York non è proprio conveniente!
La nostra scelta è stata quella di avere un hotel con colazione inclusa in modo da mangiare a volontà a questo pasto (colazione ricca americana); in questo modo a mezzogiorno abbiamo potuto cavarcela solo uno spuntino avendo scoperta solo la cena alla sera. Se è bel tempo, a noi è piaciuto tantissimo fare un pic-nic a Central Park: economico e divertente! Non abbiamo cenato in locali particolari: siamo entrati anzi in quelli che ci sembravano più alla buona e ci hanno salvato i vari Mac Donald’s o Pizza Hut. Ora che siamo a casa siamo in fase depurativa ahahah

organizzare un viaggio a new york con i bambini

Pic-nic a Central Park

Quindi consigli possiamo darne davvero pochi… Una precisazione però va fatta! Ricordatevi che nei ristoranti va data la mancia (tips) obbligatoria! Calcolatela quando guardate i prezzi (circa 15-20 % del totale pagato).

organizzare un viaggio a new york con i bambini

La nostra colazione

ORGANIZZARE UN VIAGGIO A NEW YORK CON I BAMBINI: NE VALE LA PENA?

Non mi viene in mente altra risposta che un grandissimo SI!!! Questa città è magica, i miei figli hanno pianto quando ce ne siamo andati! Ogni angolo regala emozioni che poche città al mondo sanno dare.
Si passa dai grandi grattacieli, fino a corse e pic-nic a Central Park, si prosegue con musei spettacolari (il Museo americano di storia naturale è imperdibile con i bambini), si può salire sui tetti più famosi del mondo, ci si può divertire in uno dei parchi divertimento più antichi e famosi del mondo, giocare in playground spettacolari, vedere gli scoiattoli e rilassarsi in spiagge “cittadine” enormi.
E questo è solo una parte di quello che la città offre.
Quindi si, questa città è molto costosa e dire il contrario sarebbe una bugia. Ma una cosa è certa: New York vi restituirà ogni centesimo speso e molto di più ancora. Sarà un’emozione unica, una di quelle esperienze che arricchiscono l’anima e che si continueranno a sognare per il resto della vita.

organizzare un viaggio a new york con i bambini

A Central Park

Print Friendly, PDF & Email
By |2018-05-02T13:02:43+00:00luglio 3, 2017|Città, Città USA, Destinazione Mondo, Stati Uniti|4 Comments

About the Author:

daichepartiamo
Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

4 Comments

  1. Claudia B. Voce del Verbo Partire 19/01/2018 at 12:54 pm - Reply

    Sono io Sara…. che detto così sembra un inizio drammatico. Fino a cinque minuti fa avevo il sorriso, ora sto andando in crisi da prenotazione. Okay, ero partita convinta con Airbnb, anche perché speravo davvero di poter usare la cucina. Ora devo optare per un hotel. Ad Agosto! Sto soffrendo.
    E devo anche cercare di capire se fare una tariffa con un operatore locale. Cosa che davo quasi per scontata. Anche perché inizialmente il nostro viaggio è on-the-road, non posso restare scoperta. Magari potrei coprire i primi dieci giorni e poi free a NY?
    Aspetta mi ritiro a riflettere…
    Baci,
    Claudia B.

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 19/01/2018 at 9:57 pm - Reply

      Claudia per l’alloggio non ti preoccupare: monitora in continuazione booking e se invece preferisci un appartamento contatta gli host e chiedi la licenza per stare tranquilla!
      Per l’operatore noi con la TIM abbiamo avuto un ottimo servizio nella parte on the road del nostro viaggio! Che operatore avete voi? Chiedi perchè solitamente hanno delle promozioni comode per i paesi extra-europei!

  2. surjo seminara Barbera 25/02/2018 at 12:26 pm - Reply

    grazie di questo articolo interessante!

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 25/02/2018 at 6:43 pm - Reply

      Prego 🙂

Leave A Comment