Come organizzare e quanto costa un viaggio a New York – Cape Cod – Boston con bambini

Ci siamo, il nostro sogno si sta realizzando! Tra pochissimi giorni partiremo con i nostri bambini verso una meta che sognavamo da tempo:  New York! Ma come organizzare e quanto costa un viaggio a New York, Cape Cod e Boston con due bambini?

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: costi ed organizzazione

Dopo anni di monitoraggio dei  voli a gennaio ce l’abbiamo fatta a trovare delle buone offerte per coronare il nostro sogno. Così eccoci qui, a pochi giorni dalla partenza, con tante cose organizzate e qualcuna ancora da definire.

Il nostro viaggio comprenderà altre due mete oltre a New York (dove trascorreremo 6 notti):  soggiorneremo 3 notti a Cape Cod e 2 notti a Boston.

Sulla carta si prospetta un viaggio davvero completo: cultura, natura e divertimento!

Nell’organizzazione siamo stati supportati dalle sedi italiane dell’Ufficio del Turismo di New York e del Massachusetts,  che ci hanno aiutato a pianificare quello da vedere e ci hanno supportato con le prenotazioni delle attrazioni da vedere e delle attività da fare.

In attesa di vivere in prima persona queste emozioni, in questo post  iniziamo a raccontare quello che andremo a vivere e come abbiamo preparato questo sogno.

E, siccome sappiamo che un viaggio così comporta determinati costi  viaggiando in famiglia, vogliamo anche dare un’idea dei costi che si devono affrontare e come eventualmente abbiamo deciso di risparmiare. Quindi, quanto costa un viaggio a New York, Cape Cod e Boston in famiglia?

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: il volo

Il volo è stato il nostro primo passo: va monitorato in anticipo cercando le offerte. L’offerta giusta me l’ha scovata un’amica, che me ne ha parlato appena l’ha vista. Un volo diretto con Emirates, Milano – New York JFK. Circa 1500 euro per 4 voli… niente male no?

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: il passaporto

Una volta acquistati i voli, abbiamo iniziato a fare le pratiche per richiedere i passaporti. Nella nostra provincia i tempi sono decisamente lunghi quindi è meglio muoversi prima possibile per trovare un appuntamento per tempo.  Anche i bambini hanno bisogno di un passaporto personale.  Di come richiedere i passaporti per i minori ne abbiamo parlato in questo post.

quanto costa un viaggio a new york

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: l’ESTA 

L’ESTA è un sistema automatico utilizzato che determina l’idoneità dei viaggiatori a recarsi negli Stati Uniti ai sensi del Visa Waiver Program (VWP).  Può essere richiesta solo da cittadini di un paese idoneo al Visa Waiver Program e per viaggi di piacere o di affari di durata inferiore ai 90 giorni. Se non si rispettano questi requisiti si deve richiedere il Visto.

L’ESTA può essere richiesta solo dopo l’ottenimento del passaporto perché è associata a quest’ultimo.

Questa autorizzazione va richiesta nel sito ufficiale (attenzione perché on line ci sono diversi siti che offrono il servizio a prezzi decisamente aumentati) almeno 72 ore prima della partenza: in genere la risposta richiede pochi minuti e solitamente è positiva. Capita a volte però che occorrano problemi, quindi è meglio fare la richiesta prima possibile.  L’ESTA ha un costo di 14 dollari a testa e ha validità due anni ( a meno di cambio passaporto, nome, cittadinanza, sesso,…). E’ possibile richiederla individualmente o di gruppo (noi come famiglia abbiamo fatto una richiesta di gruppo).

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: l’assicurazione di viaggio

Non si può andare negli Stati Uniti senza una buona copertura sanitaria. Nel caso succedesse qualcosa il rischio di pagare un bel po’ di dollari è molto alto, per cui l’acquisto di una buona copertura è fondamentale.

Noi quest’anno abbiamo optato per un’assicurazione annuale visto che abbiamo in programma diversi programmi e abbiamo scelto come assicurazione la Columbus, in particolare abbiamo fatto l’assicurazione annuale multi viaggio (abbiamo parlato in questo post del motivo di questa scelta).

Questa assicurazione copre sia le spese mediche che gli eventuali annullamenti di viaggi per motivi medici.

E comunque possibile assicurare il semplice viaggio nel caso non si debbano affrontare altri viaggi. Bisogna fare dei preventivi (un preventivo con la Columbus si può farlo anche nel nostro sito nella pagina che abbiamo linkato) e scegliere la copertura che più si adatta al caso personale.

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: la scelta degli hotel

Abbiamo prenotato tutti gli hotel su Booking, tutti con cancellazione gratuita.

A New York abbiamo scelto un hotel a Manhattan in zona Chelsea, abbastanza centrale, colazione inclusa e bevande calde e fredde a disposizione.  Pernottare  a New York è davvero costosissimo: per 6 notti spenderemo circa 1150 euro in 4. Per trovare questa “offerta” abbiamo monitorato per mesi il sito di booking ( alla stessa cifra trovavamo solo hotel a Long Island City o a Brooklyn).

A Cape Cod ci concederemo il lusso di un hotel in riva all’oceano, a South Yarmouth. In questa zona si possono trovare prezzi molto più accessibili rispetto a quelli di New York. Il prezzo può comunque variare molto. Noi abbiamo scelto un buon compromesso e per tre notti spenderemo circa 470 euro, senza colazione ma con microonde e frigorifero a disposizione.

A Boston abbiamo dovuto optare per un hotel comodo con i mezzi ma non in centro in quanto il periodo del nostro viaggio capita proprio in un periodo di altissima stagione per la città e noi ci siamo mossi decisamente troppo tardi. La spesa per due notti in questa città è di circa 300 euro con colazione inclusa.

Siccome in diverse persone ci hanno detto che i prezzi delle colazioni a New York sono decisamente alti, abbiamo cercato un hotel con la colazione. Stesso discorso l’abbiamo fatto per Boston.

Ci rimarranno fuori i pasti… ecco di questo ne parleremo al nostro ritorno!

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: informazioni generali

Per andare negli stati uniti è necessario avere i bagagli muniti di lucchetto o chiusura con la sigla TSA ( Transportation Security Administration) ovvero ciascun bagaglio deve essere ispezionabile. Le nuove valigie sono già dotate di questa chiusura.
Per chi come noi ha una valigia un po’ datata, è necessario comprare dei lucchetti idonei, acquistabili anche su Amazon.
Per le valigie rigide esistono cinghie dotate di lucchetti TSA.

quanto costa un viaggio a new york quanto costa un viaggio a new york
Inoltre ricordatevi di portare con voi un adattatore di corrente perché le prese americane sono diverse dalle nostre. Anche l’adattatore noi l’abbiamo acquistato su Amazon (ne abbiamo preso uno di tipo universale come questo).

quanto costa un viaggio a new york

Giusto per darvi un’idea di cosa cercare su Amazon:

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: le guide di viaggio

Per organizzare i nostri viaggi noi usiamo sempre le Lonely Planet, che noi chiamiamo le nostre Bibbie!

Per questo viaggio abbiamo acquistato la guida di New York e quella del New England.

Ci è stata prestata anche la guida Mondadori su New York, ma non ci è particolarmente piaciuta. Decisamente meglio quella della Lonely Planet.

quanto costa un viaggio a new york

Inoltre abbiamo ricevuto preziosi dritte di viaggio da una travel blogger esperta in viaggi in America, Simona Sacri. Nel caso dobbiate organizzare un viaggio in America consultate il suo blog di viaggi!

Le guide sono tutte acquistabili il libreria o su Amazon.

 

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: come ci sposteremo

A New York opteremo per grandi camminate e per la metro, useremo i taxi per i viaggi più lunghi con i bagagli.

Per spostarci verso Cape Cod e Boston utilizzeremo la macchina. Ne abbiamo prenotata una tramite il sito Rentalcars con assicurazione completa di tutto (circa 300 euro per sei giorni per una macchina di medie dimensioni).

Per guidare negli Stati Uniti, anche se da molte parti abbiamo letto che non è necessario, abbiamo scelto di fare la patente internazionale (Convenzione di Ginevra) per stare tranquilli. La patente internazionale si richiede presso la Motorizzazione Civile (anche tante scuole guida fanno questa pratica ma chiedono solitamente delle commissioni).
Si deve compilare un modulo, versare € 10,20 su c/c postale 9001 e € 16,00 su c/c postale 4028 intestati al D.T.T. , portare 2 fotografie recenti e uguali, le fotocopie fronte/retro della patente posseduta e della carta di identità e una marca da bollo da € 16,00.
La patente internazionale viene rilasciata in circa 15 giorni.

Il nostro itinerario di viaggio negli Stati Uniti con bambini: cosa vedremo

Questa parte è decisamente la più emozionante: ci sono davvero tantissime cose da fare e da vedere e dovremo fare una scelta. Ovviamente sul posto ci saranno arrangiamenti da fare ma un’idea di massima l’abbiamo abbozzata.

A New York ci muniremo di City Pass una carta che ci permetterà di vedere 6 attrazioni in città risparmiando sui costi dei singoli ingressi.  Alcune attrazioni sono definite e fisse, altre a scelta. A New York ovviamente sfrutteremo le carte, ma cercheremo di vivere New York nel modo che più preferiamo: ci lasceremo guidare dall’istinto e dal cuore, cercando di vivere la città con i nostri ritmi e soprattutto quelli dei bambini.

A Cape Cod ci rilasseremo lungo l’oceano: ci immergeremo nella natura di questa penisola, andando alla scoperta di foche e balene . Seguiteci e scoprirete se siamo fortunati e riusciremo a coronare il sogno nostro e dei bambini di vedere questi meravigliosi animali in libertà! In programma abbiamo anche un fantastico giro nelle dune del National Seashore Park, alla scoperta di questi selvaggi angoli dell’area di Provincetown.

Sulla strada che da Cape Cod ci porterà a Boston ci fermeremo alla Plimoth Plantation, un Museo all’aria aperta  vero e proprio: una ricostruzione di un villaggio dei Padri Pellergrini del 1621 con tanto di interpreti in costume.

Infine a Boston: scopriremo quello che questa città offre alle famiglie. Percorreremo parte del Freedom Trail, saliremo a bordo di fantastici mezzi anfibi con Boston Duck Tours, visiteremo il Children Museum e tante altre attrazioni adatte ai bambini.

Ecco questo sarà un sunto di quello che vedremo. Poi ne parleremo ovviamente più approfonditamente al nostro ritorno.

Noi non stiamo più nella pelle… siamo emozionatissimi per questa nuova avventura.

La nostra vita ci ha portato in posti bellissimi che portiamo nel cuore ma sappiamo che questo sarà un viaggio speciale: condivideremo le nostre emozioni con due viaggiatori di eccezione, vedremo le cose anche con i loro occhi.

E già sappiamo che sarà magico, un viaggio davvero indimenticabile.

quanto costa un viaggio a new york

Print Friendly, PDF & Email
By |2018-05-02T13:03:05+00:00giugno 12, 2017|Città USA, Destinazione Mondo, Stati Uniti|14 Comments

About the Author:

daichepartiamo
Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

14 Comments

  1. Flavia 12/06/2017 at 8:56 am - Reply

    bellissimo itinerario! non vedo l’ora di leggere i vostri racconti e vedere le foto!!! e sicuramente viaggiare coi bambini darà qualcosa in più al tutto! buon viaggio

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 9:01 am - Reply

      Grazie mille Flavia! Si viaggiare con i bambini è bellissimo! Vedere le cose con i loro occhi è la cosa più bella che si sia!

  2. Girovagandoconstefania 12/06/2017 at 10:10 am - Reply

    Buon viaggio 🙂 Io sarei dovuta andare quest’anno negli States ma è saltato tutto!

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 10:12 am - Reply

      Grazie!!!
      Peccato….!! ma sono sicura che ti rifarai di sicuro!!! Arriverà come per noi il momento giusto!

  3. simone 12/06/2017 at 11:27 am - Reply

    Gli alberghi in effetti costicchiano un po’. Mi sa che dovrò aspettare per farmi un viaggio negli USA.
    Buon viaggio! E salutaci la Statua della Libertà 😉

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 11:50 am - Reply

      Si diciamo anche che noi siamo stati sul prezzo medio basso…! Però siamo in 4… se viaggi senza bambini puoi anche pagare di meno 😉
      Ok sarà fatto il saluto 🙂

  4. Simona 12/06/2017 at 5:27 pm - Reply

    Buon viaggio ragazzi!!
    Godetevi questo bellissimo “pezzo” di East Coast

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 7:52 pm - Reply

      Grazie Simona! Sicuramente! E grazie di nuovo per il tuo prezioso aiuto!

  5. Tiziana - lavaligiainviaggio 12/06/2017 at 5:27 pm - Reply

    Scus, scus. Non ho ben capito la storia dei lucchetti. Vale per le valigie da stiva? Perchè riguardo i bagagli a mano il lucchetto è cmq a discrezione del viaggiatore. O marò, scusate puoi delucidarmi?

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 7:53 pm - Reply

      Si si Tiziana, per i bagaglio che vanno in stiva perchè devono essere aperti a discrezione del personale con un passepartout 🙂

  6. partyepartenze 12/06/2017 at 8:38 pm - Reply

    Bellissimo viaggio. Vi divertirete un sacco con i vostri bambini. Buon viaggio e teneteci al corrente!

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 12/06/2017 at 8:40 pm - Reply

      Sicuramente!!!!!!!! Aggiorneremo tutto sulla pagina 🙂
      Grazie mille!

  7. sabrina 01/06/2018 at 2:29 pm - Reply

    complimenti per il blog, molto ben scritto.
    ho due figli anch’io e sto organizzando una vacanza simile alla vostra, con in aggiunta tappa alle Niagara falls e Washington , partiremo a metà giugno e staremo via 3 settimane.
    Ho letto che su Boston avete trovato un’ottima soluzione prezzo/prestazione dove l’avete scovata?!
    Sto scandagliando il web ma i prezzi sono altissimi, difficilmente sotto 700/800€ per 3 notti 4 persone
    Grazie mille

    • daichepartiamo
      daichepartiamo 03/06/2018 at 9:53 pm - Reply

      Ciao Sabrina, per Boston abbiamo prenotato sempre su Booking. Purtroppo anche voi sarete a Boston a giugno, periodo di altissima stagione per la città. A quanto abbiamo capito ci sono le graduations universitarie…

Leave A Comment