CEFALONIA CON I BAMBINI

CEFALONIA: MILLE SFUMATURE DI MARE

cefaloniaQuest’anno per la nostra vacanza estiva abbiamo scelto Cefalonia, isola greca situata proprio sotto l’Albania, nel mar Ionio. Innamorati delle Cicladi e della Grecia in generale, visto il pupo non ancora unenne, abbiamo evitato viaggi a lungo raggio o con scali in più aeroporti e abbiamo quindi optato per l’Arcipelago Ionico, a poco meno di due ore di volo diretto da Milano, ottimamente servito dai vettori low-cost.
Delle Ioniche fanno parte anche le rinomate Corfù, Zante, Lefkada, Itaca e altre isolette di più piccole dimensioni, ma la nostra scelta è caduta su Cefalonia, per via del suo mare fantastico, adatto anche ai più piccini.

CEFALONIA: L’ORGANIZZAZIONE

Partiamo dall’organizzazione del viaggio: è necessario prenotare l’aereo con largo anticipo per risparmiare sui costi, mentre per le strutture non ci sono grossi problemi e si può anche scegliere l’alloggio con più calma. La nostra scelta è caduta su Easyjet perché, pur partendo da un prezzo di base più elevato della diretta concorrente Ryanair, con aggiunta del bagaglio da stiva e nella gestione dei colli permessi per il bimbo, si è rivelata essere infine la più conveniente tra le due.
Per quanto riguarda l’alloggio, invece, cercavamo una località che non ci obbligasse ad utilizzare tutti i giorno la macchina e ci siamo soffermati da subito su Lassi, polo turistico adiacente alla capitale Argostoli, dotato di tutti i servizi e di spiagge di tutto rispetto. Abbiamo alloggiato in un appartamentino di Raymondos Apartments (Lassi). Una camera matrimoniale, una stanzetta con angolo cottura, due bagni minuscoli (e quando dico minuscoli significa proprio microscopici!) e un piccolo disimpegno con armadiatura. All’esterno un terrazzino e una bellissima vista sul mare. Il personale gentilissimo, la posizione comoda (salitona finale a parte), ma struttura vetusta, che necessiterebbe di un completo restyling.
Abbiamo noleggiato un’automobile per l’intero soggiorno tramite Ionian Cars; accordi presi online, nessun anticipo, ma pagamento subito al ritiro dell’auto. Cefalonia è grandicella, ma si gira bene. L’auto è indispensabile se si vuole vivere l’isola: le distanze sono discrete e se non si alloggia nei piccoli centri turistici si rischia di essere spersi nel nulla per tutta la vacanza.
(A posteriori, riguardo la scelta dell’alloggio, consiglieremmo di stare comunque nelle immediate vicinanze di Argostoli, ma di optare per la zona dell’aeroporto… detto così può sembrare triste, ma ci sono dei posticini collocati direttamente su calette deliziose che valgono molto più della vicinanza a ristoranti e negozietti. Lassi non ci ha entusiasmato, è un centro abitato senz’anima, un’infilata di ristoranti e shopping center di basso profilo, dove la vita risulta più cara che altrove.)

cefaloniaCEFALONIA: LE SPIAGGE

Passiamo a parlare dell’isola. Dire Cefalonia è come dire mare, mare in tutte le sue sfaccettature; spiagge per tutti i gusti, dalla sabbia chiara alla rossa, dagli scogli ai ciottoli. Se cercate una vacanza di solo mare, mare di qualità, allora Cefalonia fa per voi. Se avete bimbi le spiagge più idonee sono quelle al sud, larghe e sabbiose, oppure quelle di sabbia rossa nella penisola di Lixouri. Al nord troverete invece calette più intime, dai colori mozzafiato, ma con ciottoli o ghiaietto fine. A Cefalonia ci sono spiagge super-attrezzate, così come spiagge semi-deserte; le spiagge più “strutturate” sono Makris Yalos, Antisamos e Xi, dotate di ogni comfort , forse pure troppi. Imperdibile Myrtos, mare spesso mosso, ma di un colore da togliere il fiato. Le calette più discrete sono al nord, mentre la costa est non ha granché da offrire. Le spiagge che abbiamo preferito sono state Makris Yalos (mare strepitoso e servizi ottimamente gestiti), Xi (spiaggia rossa, estraniante, ma mare cristallino e bassissimo), Emblissi (baietta fantastica…unico neo i ciottoli) e naturalmente Myrtos (una piscina naturale…colori indescrivibili).

cefalonia       cefalonia

cefalonia       Cefalonia

CEFALONIA: I CENTRI

Cefalonia è fortemente sismica, le scosse dicono si sentano ogni giorno, anche se per dirla tutta noi non ne abbiamo sentita mezza. E’ stata quasi interamente rasa al suolo da un terremoto nel ’53 e ha quindi perso il suo aspetto originario, che è rimasto integro solo in alcuni paesini al nord, tra i quali la famosa Fiskardo. Per il resto è tutta molto recente, ragion per cui a nostro parere, non regge il confronto con i paesaggi da cartolina cicladici.
Il centro di maggior rilievo è la capitale Argostoli; affacciata su un golfetto protetto, si sviluppa principalmente lungo il porto e il Lithostrato (la grande passeggiata commerciale). Di giorno si vive la zona del porto, dove si possono vedere le fantastiche tartarughe caretta-caretta nuotare attorno alle barche dei pescatori in cerca di cibo, la sera ci si riversa lungo il Lithostrato per godere di locali, ristoranti e negozietti; non aspettatevi però negozi di ricerca, unici nel loro genere, Cefalonia è rimasta ai negozietti di souvenir, sempre uguali in qualsiasi parte del mondo si trovino.
Da un punto di vista storico-culturale Argostoli non ha molto da offrire, ma è sicuramente curioso il ponte pedonale costruito dagli inglesi per collegare la capitale con la parte opposta del piccolo golfo in cui è collocata; percorrendolo si ha una bella vista d’insieme degli edifici affacciati sul porto. Una visita al monumento ai caduti della Divisione Acqui è d’obbligo: si trova sul lungomare che collega Argostoli a Lassi; la triste storia dei nostri connazionali barbaramente trucidati dai nazisti è raccontata su un pannello informativo posto proprio accanto al monumento. Nelle immediate vicinanze c’è anche il bellissimo e romantico faro, da visitare in una passeggiata al tramonto.
Altri centri importanti dell’isola sono Fiskardo e Assos, deliziosi quanto minuscoli. Una successione di ristoranti, bar e negozietti vari. Delle piccole bomboniere che portano via pochi minuti di visita, poi di nuovo al mare. C’è Skala al sud che è molto carina o Agia Eufemia con il suo porticciolo raccolto, mentre assolutamente senza pretese è Sami.
La forza di Cefalonia è indubbiamente il suo mare; se cercate altro allora Cefalonia vi starà un po’ stretta. Noi che siamo abituati ad alternare il mare con gite, visite ed escursioni, che non ci accontentiamo solo dell’ombrellone e dell’acqua cristallina, a Cefalonia abbiamo faticato a riempire 10gg.

cefalonia         cefalonia

CEFALONIA: ULTERIORI INFORMAZIONI

Da non perdere sicuramente una visita alle spiagge dove nidificano le sopracitate tartarughe: con un po’ di fortuna si possono vedere le uova schiudersi e assistere alla corsa delle novelline verso il mare. Le troverete sicuramente nelle spiagge sabbiose della zona dell’aeroporto o nelle ultime spiagge prima di Skala.
Se avete un pomeriggio libero potete dedicarlo alla visita delle grotte di Melissani; famosissime per il loro lago sotterraneo, che dopo il devastante terremoto del ’53, ha visto la luce in seguito al crollo della volta della grotta. Andateci nelle ore centrali della giornata, quando il sole alto riesce a illuminare le acque all’interno, creando riflessi straordinari.

cefalonia

CEFALONIA: DOVE MANGIARE

Mangiare a Cefalonia è relativamente economico; sottolineo “relativamente” perché rispetto ad altre isole visitate abbiamo speso qualcosa in più, ma contava forse anche il fatto che fossimo in un centro prettamente turistico. Da provare assolutamente Ladokolla, in centro ad Argostoli vicino alle giostre; ad un primo sguardo non si vende bene, ma il locale si rivela poi molto carino, cibo ottimo, prezzi stracciati e personale molto cortese. Di un livello decisamente superiore sono altri due imperdibili ristoranti sul lungomare tra Argostoli e Lassi: Vinaries e Sto Psito, entrambi in una location da urlo, cibo delizioso e prezzi comunque ragionevoli. Per la prima colazione abbiamo praticamente sempre optato per Mel’s a Lassi, localino in stile americano anni 50 dove è possibile abbuffarsi di muffins, brownies, cheesecake, apple pie e molto più! Una goduria insomma, anche se il portafoglio ogni mattina piange un po’.

cefalonia

CEFALONIA: UN’ISOLA ADATTA AI BAMBINI

Abbiamo già parlato delle spiagge ideali per i bambini, ma occorre fare una precisazione: anche se sono ben attrezzate, le spiagge di Cefalonia non offrono servizi appositi per i più piccoli; scordatevi la baby dance e i mini-club, sull’isola troverete al massimo qualche parco giochi e le giostre ad Argostoli. E’ però da sottolineare l’ospitalità con cui in tutte le strutture vengono accolti i bimbi, coccolati e ricoperti di attenzioni. Il seggiolone è praticamente sempre disponibile. Attenzione invece se, come noi, avete al seguito un bimbetto in pieno svezzamento. Abbiamo fatto non poca fatica a trovare degli omogeneizzati sull’isola e li abbiamo reperiti solo in farmacia. Non c’è ampia scelta come nei nostri negozi (noi abbiamo trovato solo vitello, frutta e verdura miste),  quindi consigliamo di portarsi il necessario da casa, per quanto possibile.

Print Friendly, PDF & Email
By | 2017-07-17T12:36:06+00:00 gennaio 26, 2017|destinazioni europa, Grecia, I vostri racconti, Mare|0 Comments

About the Author:

Sono Elena, architetto, moglie e mamma. Anche io con il "brutto vizio" del viaggio, che sia una breve gitarella o una lunga vacanza estiva, ogni occasione va sfruttata. Diceva Sant'Agostino "Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina", quindi... che pagina leggiamo oggi?

Leave A Comment