ARCHEOPARK, IL PARCO PER VIAGGIARE NEL TEMPO E RIVIVERE LA PREISTORIA

UN GIORNO NELLA PREISTORIA: COSA FARE E COSA VEDERE AD ARCHEOPARK

cosa fare e cosa vedere archeopark

A scuola mi è sempre piaciuto scoprire quante più informazioni possibili sulla Preistoria. Questo periodo storico mi ha sempre affascinata: così lontana nel tempo da noi eppure così ricca di invenzioni e di progressi. Ogni fase in cui essa è suddivisa, è scandita da scoperte grandiose che hanno influenzato la vita dei giorni nostri per cui non difficile rimanerne affascinati.
Purtroppo ai miei tempi la preistoria come la storia veniva studiata sui libri e ci si doveva accontentare delle illustrazioni che essi riportavano.
Nel 1999 a Boario Terme in Valle Camonica un archeologo ha ideato e realizzato Arkeopark, un vero e proprio museo interattivo all’aperto dedicato alla preistoria: in uno spazio di circa 100.000 mq, circondato dalle prealpi e immerso nella natura, è possibile scoprire la vita materiale e spirituale degli antichi Camuni e delle popolazioni padane e alpine nel corso di 15.000 anni.
Siccome abbiamo una figlia che, oltre ad essere appassionata di dinosauri, è anche molto interessata agli uomini preistorici e un figlio che tra poco inizierà a studiare questo periodo storico, abbiamo deciso di andare insieme a loro in questo parco per trascorrere una istruttiva e divertente giornata alla scoperta della Preistoria e dei suoi segreti.
In questo post voglio raccontarvi cosa si può fare e si può vedere ad Archeopark: dalle ricostruzioni storiche ai laboratori didattici. Una giornata davvero ricca e divertente!

ARCHEOPARK: COSA SI PUO’ VEDERE

Una volta arrivati in questo parco l’impressione è quella di un vero e proprio salto nel tempo. Il lavoro che è stato fatto nella realizzazione di questo parco è davvero incredibile.
Già l’ambiente in cui è inserito è molto suggestivo: gran parte del parco si sviluppa attorno ad un lago circondato da montagne. Nel lago ci sono tantissimi pesci (attrazione fondamentale per i bambini ahahah), germani, cigni,…
La natura incornicia le ricostruzioni degli ambienti preistorici, realizzate su base scientifica e accessibili dai visitatori.

cosa fare e cosa vedere archeopark
Il parco è suddiviso in diverse aree, che ricostruiscono ciascuna l’ambiente di vita di un determinato periodo.
Si può entrare ed esplorare una grotta come quelle usate oltre 10.000 anni fa per scoprire i dipinti e i graffiti che venivano eseguiti per pregare la Madre Terra o come rito per rendere fruttuosa la caccia.

cosa fare e cosa vedere archeopark
Si possono poi osservare i ripari sottoroccia che i nomadi mesolitici avevano realizzato circa 10.000 – 7.000 anni fa.

cosa fare e cosa vedere archeopark
Oppure si può visitare una fattoria neolitica, dove sono esposti anche gli attrezzi da lavoro usati per l’agricoltura, come aratri, zappe, falcetti, carri,… All’interno ci si può sedere davanti al focolare e immaginarsi l’importanza di questo elemento nella vita di questi uomini.
Inoltre in una di queste fattorie è stato “ricostruito” un uomo preistorico di 5000 anni fa, sulla base delle scoperte fatte in seguito al ritrovamento di Ötzi, l’uomo ritrovato mummificato e congelato nei ghiacciai della Val Senales.

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

La parte più scenografica per noi è quella dove è stato riprodotto un villaggio palafitticolo di circa 4.000 anni fa, direttamente sul lago: anche qui si può entrare e si può scoprire gli attrezzi utilizzati dagli uomini in quel periodo storico e si può anche scoprire i primi telai utilizzati per la tessitura del lino.

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

Risalendo la collina, si arriva prima ad un Villaggio degli Artigiani di circa 2.500 anni fa e infine ad un castelliere dell’età del ferro, ovvero un villaggio fortificato di 3.000 anni fa. Anche qui si può entrare, esplorare e…. scoprire come scappare in caso di attacco nemico da un nascondiglio segreto!

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

Nel parco poi i bambini possono percorrere un labirinto ricostruito sulla base dei disegni trovati sulle rocce di Luine, Capo di Ponte e Cimbergo.

cosa fare e cosa vedere archeopark
Infine nel parco si può ammirare un teatro romano, non accessibile.

ARCHEOPARK: LE VISITE GUIDATE

Il parco mette a disposizione visite guidate gratuite a diversi orari, sia alla mattina che al pomeriggio (in questo periodo alle ore 10.30, 14.00 e 16.00). L’ideale sarebbe arrivare entro le 10.30 e partecipare alla prima visita guidata della mattina, che dura 1.30 – 2 ore, in modo da avere poi il pomeriggio libero per girare il parco in autonomia e poter partecipare ai numerosi laboratori didattici che vengono proposti.

cosa fare e cosa vedere archeopark

Consigliamo in ogni caso di partecipare ad una di queste visite perché aiutano a capire tutto quello che c’è da sapere sulla Preistoria e a comprendere il parco in ogni suo dettaglio. Il personale è molto preparato e coglie l’attenzione dei bambini, i principali destinatari di queste visite guidate.

ARCHEOPARK: I LABORATORI DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE

Nel pomeriggio a partire dalle 13.30 fino alle 17.30 è possibile partecipare a dei laboratori, sotto la guida degli operatori del parco: alcuni sono gratuiti, altri a pagamento (1 euro a bambino) e non è necessario prenotare.
Noi abbiamo imparato a fare il pane, a fare un flauto, a lavorare l’argilla, a tirare con l’arco e a fare una ciotola di rame. Un laboratorio più divertente dell’altro!

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

In autonomia invece è possibile utilizzare i trapani preistorici (a volano e ad arco) messi a disposizione in una specifica area.

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

ARCHEOPARK: COSA OFFRE ANCORA?

Oltre a quanto già detto, in questo parco ci si può divertire liberamente sulle zattere che traghettano da una parte all’altra del lago.

cosa fare e cosa vedere archeopark
Nel pomeriggio si può anche prenotare un giro del lago sulle piroghe: divertentissimo!

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark
Poi nel parco ci sono diversi animali: pecore, cinghiali, capre, porcellini d’india,…

cosa fare e cosa vedere archeopark

Oppure si può fare un giro del parco in calesse.

A disposizione dei bambini c’è un bel parco giochi in cui possono giocare liberamente.

cosa fare e cosa vedere archeopark

Ci sono poi dislocati nel parco diverse corde o percorsi sugli alberi che fanno impazzire i bambini e una parete attrezzata con delle corde pronta da scalare!

cosa fare e cosa vedere archeopark cosa fare e cosa vedere archeopark
Nel parco poi è possibile mangiare al ristorante oppure fare il pic-nic in una delle zone attrezzate con tavolini messe a disposizione all’interno del parco.
Nel parco si può accedere con passeggini e carrozzine per disabili.

ARCHEOPARK: INFORMAZIONI GENERALI

Archeopark si trova in località Gattaro a Boario Terme (Bs), in Valle Camonica. Il parco è aperto a orario continuato dal 1 marzo al 30 novembre. Gli orari di apertura variano a seconda del periodo e possono essere consultati sul sito.
Il costo del biglietto nel 2017 è pari a € 8,00 per gli adulti, € 7,00 per i ragazzi da 4 a 13 anni. Per famiglie con più figli €. 6.00 ciascun figlio.

cosa fare e cosa vedere archeopark

ARCHEOPARK: LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

Questo parco è stato una scoperta per tutti. Ci siamo andati per i bambini, ma ci siamo divertiti noi adulti per primi. Abbiamo innanzitutto scoperto tantissime cose che ignoravamo e rispolverato antiche informazioni nascoste nei cassettini della nostra memoria. Insieme ai nostri bambini abbiamo potuto cimentarci in attività educative e divertenti come facevano gli uomini preistorici e abbiamo passato una splendida giornata in famiglia. Un’esperienza che consigliamo a chiunque abbia bambini in età scolare, soprattutto a quelli che hanno bambini di seconda o terza elementare.

Una bella giornata che rimarrà impressa nella memoria più che una settimana passata a studiare la Preistoria sui libri di scuola 😉

cosa fare e cosa vedere archeopark

By | 2017-10-04T10:12:33+00:00 maggio 2nd, 2017|destinazioni italia, Lombardia, parchi, Parchi Italia|32 Comments

About the Author:

32 Comments

  1. Stella maggio 3, 2017 at 10:35 am - Reply

    Ciao! Credo che se ci portassi mio figlio alla fine non saprei se sarebbe più entusiasta lui o noi. E’ un parco molto affascinante, interattivo e ricco di stimoli. Caspita, non lo conoscevo! Per me non è dietro l’angolo ma a noi piace moltissimo la montagna estiva, perciò l’ho salvato nella wishlist per quest’estate. Ti fatò sapere. Grazie 😉

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 10:53 am - Reply

      bene! Allora aspetteremo il tuo feedback! A noi è piaciuto tantissimo (e per noi intendo grandi e piccini :-))

  2. Lucialesley maggio 3, 2017 at 11:21 am - Reply

    Ma che spettacolo!!! Sembra fatto davvero bene e anche i laboratori sono diversi dal solito e non i soliti cartelloni dove spiegano altra roba teorica! Non ho figli ma mi piacerebbe portarceli un giorno…immagino che andarci solo con mio marito possa essere un po’ fuori luogo 😂😅

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 11:58 am - Reply

      Ahahah si forse i bambini sono un’ottima scusa! però non ci crederai ma abbiamo visto un paio di coppie senza figli tutte intente a fare i laboratori 🙂 Per cui…. chissenefrega!!!! Ti divertiresti anche senza figli 😉

  3. Marina_damammaamamma maggio 3, 2017 at 11:24 am - Reply

    Che bella questo parco, non ci sono mai stata, mi piacerebbe portarci la mia bimba.

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 11:59 am - Reply

      Noi l’abbiamo scoperto a inizio anno e l’abbiamo subito puntato 🙂
      Ne valeva proprio la pena! tante scuole del nord portano i bambini in gita e abbiamo capito il motivo!

  4. Girovagandoconstefania maggio 3, 2017 at 11:42 am - Reply

    Le palafitte sono troppo belle 🙂 Sembra di essere tornati indietro nel tempo catapultati nella preistoria! Immagino che per i bambini sia un posto fantastico per stare in mezzo alla natura ed imparare tante cose praticando le attività proposte dal parco.

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 12:00 pm - Reply

      Si per loro è bellissimo perchè imparano divertendosi! Ma ti assicuro che ci siamo divertiti pure noi 🙂

  5. Mariacarla maggio 3, 2017 at 2:36 pm - Reply

    Conosco il parco. Ero stata anni fa, almeno 10, con amici, ma non era così completo. Si potevano vedere alcune iscrizioni rupestri è poco di più. Ora mi sembra veramente molto bello e ben strutturato. Un bel modo di conoscere un passato lontano per i nostri bimbi

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 7:15 pm - Reply

      Noi non ci eravamo mai stati ma ora sicuramente il parco è completo e ben strutturato! I bambini possono imparare un sacco di cose mentre si divertono con laboratori o visite didattiche. Davvero ben fatto!

  6. Quanto mi piacciono questi luoghi che organizzano attività cosi belle ed immerse nella natura come questo ArcheoPark!
    Ottima idea per una gita fuori porta e per far divertire i bambini!

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 7:16 pm - Reply

      Si è in effetti rivelata una gita fuori porta riuscitissima!

  7. La Folle maggio 3, 2017 at 5:01 pm - Reply

    Mi farebbe stranissimo trovarmi dentro un villaggio su palafitte, ci andrei anche per quello! Non sapevo che ci fosse un parco simile in Italia, e il prezzo non è nemmeno alto 🙂

    • daichepartiamo maggio 3, 2017 at 7:17 pm - Reply

      Anche io non lo sapevo fino a qualche mese fa eppure è a solo un’ora da casa nostra! Il prezzo è assolutamente abbordabile 😉

  8. Claudia B. Voce del Verbo Partire maggio 4, 2017 at 5:57 am - Reply

    Ottime considerazioni Sara! Vivere e capire un periodo storico, attraverso un parco didattico, vale mille ore trascorse ad immaginare.
    Lo studio deve certo passare attraverso i libri, ma il “toccare con mano” è quella spinta in più per capire davvero. E non dimenticare. Comprendere da dove arriviamo.
    E, da adulta, ti dico che ho amato ogni angolo ed attività di questo parco!
    Baci,
    Claudia B.

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 6:47 am - Reply

      Giustissimo Claudia! Noi siamo fermamente convinti che questi parchi come i musei, le mostre, le attività didattiche sono un aiuto importante a quello che si impara a scuola! Questo parco in particolare è davvero studiato nel dettaglio! Ed è bello che molte scuole lo scelgano come gita annuale 🙂

  9. Giulia - cognaThe maggio 4, 2017 at 6:12 am - Reply

    Non conoscevo questo posto davvero interessante anche per chi non ha bambini come me ma ha sempre adorato la preistoria!!! Sembra davvero ben organizzato e tenuto molto bene!

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 6:53 am - Reply

      Anche noi adulti ci siamo divertiti un sacco! La visita guidata ci ha rinfrescato la memoria su tante cose ormai quasi dimenticate! Poi il giro in piroga è divertentissimo 🙂

  10. Sara L'Esploratrice maggio 4, 2017 at 6:22 am - Reply

    Figo, mi piacciono questi luoghi! E il laghetto con quelle palafitte è veramente molto carino, mi ricorda un posto che visitai a Cuba 🙂

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 6:54 am - Reply

      Anche a noi è piaciuta l’area palafitte. Il laghetto è molto coreografico. Un pò come tutto il parco comunque 😉

  11. In viaggio con Dorothy maggio 4, 2017 at 10:04 am - Reply

    Questo è un posto perfetto per il mio quasi nipote! A parte l essere in mezzo alla natura ed imparare un sacco di cose con i laboratori ! Ci sono pure gli animali !!! Allora è perfetto anche per me! 🙂 bellissime foto! Lo faccio vedere alla mamma dell’interessato visto che so che sono statiuna da poco a collodi potrebbe essere uno spunto per un weekend diverso!

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 10:13 am - Reply

      Ottimo!!! Allora ci farete sapere il vostro feedback 😉

  12. camilla maggio 4, 2017 at 11:18 am - Reply

    Ma questo parco è fantastico! Non lo conoscevo ma voglio proprio andarci, sicuramente scoprirò tante cose interessanti.
    Tantissime sono le attività proposte per i bambini, quindi lo consiglierò alle mie amiche che hanno già dei figli 🙂

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 12:28 pm - Reply

      Per le famiglie con i bambini è l’ideale! Facci sapere poi!

  13. Ester maggio 4, 2017 at 6:06 pm - Reply

    Sara i tuoi post mi piacciono sempre, come le foto! Sono chiari e accompagnati da immagini che completano il racconto. E, ti dico la verità, per quanto ti dedichi principalmente a destinazioni con bambini , risultano interessanti anche per noi adulti!
    Brava!

    • daichepartiamo maggio 4, 2017 at 10:18 pm - Reply

      Grazie mille Ester, mi fa piacere questo tuo commento 🙂
      Ne sono onorata!

  14. Elisa e Dintorni maggio 5, 2017 at 2:33 pm - Reply

    Bello Archeopark! Io sono di Brescia e mi sono promessa che, non appena i miei bimbi, sono un po’ più cresciutelli, ce li porto.
    Leggere informazioni sui libri e vedere dal vivo fanno un effetto diverso e sono l’una modalità il completamento dell’altra.

    • daichepartiamo maggio 6, 2017 at 9:42 pm - Reply

      Si Elisa portali perché ne vale proprio la pena! Poi se sei vicina è anche comodissimo!

  15. Valeria maggio 8, 2017 at 1:49 pm - Reply

    Sembra fantastico anche per gli adulti 🙂 Non lo conoscevo, grazie!

    • daichepartiamo maggio 8, 2017 at 7:16 pm - Reply

      Prego! Fateci sapere poi!

  16. Chiara maggio 8, 2017 at 9:25 pm - Reply

    Ma è bellissimo questo posto, voglio andarci anch’io anche se non ho figli! 🙂

    • daichepartiamo maggio 8, 2017 at 9:27 pm - Reply

      Ahahah vedrai che piace anche a te! Poi facci sapere!

Leave A Comment