Cosa vedere a Sintra, tra fiaba e realtà

Sintra è una graziosa cittadina portoghese alle porte di Lisbona che sembra uscita da un libro di fiabe. Un centro storico tutelato dall’UNESCO, ricco di vicoli che si intersecano e nascondono locali caratteristici e piccole botteghe artigiane, palazzi al confine tra fiaba e realtà che si perdono in boschi centenari e in giardini esotici. Seppur piccola, questa località offre davvero tanto e merita una visita di almeno una giornata. In questo post vi vogliamo raccontare la nostra esperienza e vi vogliamo dare qualche consiglio su cosa vedere a Sintra.

A circa mezz’ora di strada da Lisbona, tra le colline ricoperte di pini nel Parque Natural de Sintra-Cascais, si trova Sintra, una graziosa cittadina con un centro storico patrimonio dell’Umanità, ricca di originali residenze immerse in parchi e giardini meravigliosi.
Sintra è una tipica gita fuoriporta per allontanarsi dalla caotica vita cittadina di Lisbona e immergersi in un’atmosfera magica, al confine tra fiaba e realtà.
Sintra richiederebbe però molto di più di una toccata e fuga per essere vissuta in pieno, sia per quanto ha da offrire, sia per poter assaporare la sua atmosfera romantica una volta che la maggior parte dei turisti di giornata se ne sono andati.
Se si ha tempo, meglio quindi pernottare almeno una notte in questa zona: pernottando in questa località, noi abbiamo avuto a disposizione una serata e una giornata intera per immergerci in questa fantastica atmosfera al confine tra la fiaba e la realtà.

Cosa vedere a Sintra

Sintra – Palacio da Pena

Cosa vedere a Sintra, uno dei borghi più belli del Portogallo

Sintra ha una storia antichissima, risalente ai tempi dei Celti, che in questa località veneravano la divinità della luna.
Sempre a Sintra i Mori costruirono un castello, le cui rovine dominano ancora la cittadina.
Successivamente, grazie al suo clima gradevole, Sintra attirò i nobili portoghesi che qui costruirono residenze stravaganti splendidi palazzi e giardini decorativi.
Una storia che ha lasciato i suoi segni e hanno reso questa cittadina una delle località più curiose e interessanti da visitare, una meta imperdibile per chi visita la zona di Lisbona.

Cosa vedere a Sintra: una giornata immersi in scenari fiabeschi, tra natura e residenze bizzarre

Sintra è stata la prima tappa del nostro itinerario in Portogallo: una delle tappe che ci sono piaciute di più di questa nazione e alla quale, se tornassimo indietro, dedicheremmo volentieri più tempo. Ecco dunque tutto quello che questa località offre a chi la visita.

1 – Palacio Nacional da Pena e Parque da Pena

Il Palacio Nacional da Pena è una tappa imprescindibile per chi visita Sintra: uno dei palazzi più eccentrici e colorati che abbiamo visto finora.
Si erge su un picco boscoso che sovrasta il centro storico di Sintra, raggiungibile a piedi, in autobus, trenino o taxi.
Noi abbiamo raggiunto questo palazzo a piedi, partendo dal centro paese e seguendo l’itinerario che passa per Vila Sassetti. La strada è in ombra e in salita, ma alla mattina presto non fa troppo caldo ed è una passeggiata fattibile in meno di mezz’ora con bambini allenati (in totale sono circa 3 km).

Questo palazzo, in stile moresco-manuelino, è stato commissionato nel 1840 da Ferdinando di Sassonia Coburgo all’architetto Wilhelm Ludwig von Eschwege. Il Palacio Nacional da Pena è considerato la più grande espressione del romanticismo portoghese del XIX secolo.
L’esterno di questo palazzo è un inno alla fantasia e alla alternatività: colori sgargianti, forme eclettiche, torri, portali moreschi, azulejos decorativi, buffissime statue in pietra e decorazioni decisamente particolari. I balconi e i terrazzi offrono un meraviglioso panorama sulle zone circostanti e soprattutto sul Castelo dos Mouros.
Anche l’interno è decisamente insolito con stanze ricche di mobili in stile portoghese, porcellane, dipinti e statue. Purtroppo l’affluenza all’interno non è regolamentata per cui ci si ritrova a visitare il palazzo immersi in una fiumana di gente, soprattutto nelle sale più piccole, seguendo un percorso guidato senza la possibilità di fermarsi a fare foto o a godersi qualche dettaglio. Questo è davvero un peccato sia perché in questo modo la visita risulta molto superficiale, sia perché una volta imbottigliati in questo fiume di gente non è possibile interrompere il percorso e uscire fuori. La sicurezza non è sicuramente un aspetto che è stato valutato e la calca continua non ci ha fatto godere quanto di bello c’era da vedere.

Il Palacio Nacional da Pena è circondato dal meraviglioso Parque da Pena, un parco ricco di piante tropicali, gigantesche felci e sequoie, laghetti bucolici con le casette delle anatre e sentieri che conducono in diversi punti di interesse. Se avete tempo è interessante la visita allo Chalet della Contessa d’Edla, un cottage estivo in stile alpino.

Esistono diversi tipi di biglietto: uno che permettere di accedere solo al parco e uno che abbina il parco gli interni del palazzo. Per le famiglie c’è il biglietto apposito ad un prezzo agevolato (nel 2018 il costo del biglietto famiglia è di 26 euro solo parco e di 49 euro il biglietto parco più interno del palazzo). La differenza è abbastanza sostanziale quindi valutate bene quanto detto sopra: noi abbiamo acquistato il biglietto combinato ma, una volta vista la ressa interna, ci siamo pentiti. C’è da dire che il biglietto che permette di accedere agli interni permette di accedere anche ad una bella terrazza altrimenti non visitabile. Valutate quindi bene quale soluzione fa al caso vostro!

Cosa vedere a Sintra

Sintra – Palacio da Pena

Cosa vedere a Sintra

Sintra- Palacio da Pena – Esterno

Cosa vedere a Sintra

Sintra – Interno del Palacio da Pena

Cosa vedere a Sintra

Sintra Palacio da Pena- Fiumana di gente in coda

cosa vedere a sintra

Laghetti del Parque da Pena

2 – Castelo dos Mouros

Le rovine del Castelo dos Mouros, immerse in un bel bosco, dominano Sintra dall’alto, ad una quota di circa 412 m slm. Spesso il castello è avvolto nella nebbia ma se, come noi, si ha la fortuna di trovare una splendida giornata, dal castello i può godere una meravigliosa vista su Sintra e sull’Atlantico.
La strada per arrivare al castello è in parte la stessa che porta al Palacio da Pena (una volta in cima alla collina le strade si dividono) e dal centro paese sono quasi tre chilometri.
Il Castelo dos Mouros, o Castello Moresco, è stato eretto nel X secolo dal musulmani che occupavano la penisola Iberica e fungeva da torre di avvistamento sulla Costa Atlantica e sui territori del nord, fungendo da punto di osservazione della città di Lisbona.
Oggi si possono visitare i resti delle sue mura e dei suoi bastioni e, subito prima del suo ingresso, una piccola chiesa del XII secolo, la prima chiesa parrocchiale di Sintra (Chiesa di San Pietro de Canaferrim), oggi usata come Centro di Interpretazione della storia del Castello.
Avendo poco tempo, noi abbiamo deciso di visitare il castello solo dall’esterno e di concentrare il nostro tempo nella visita di altri palazzi.

Cosa vedere a Sintra

Castelo dos Mouros

3 – Quinta da Regaleira

Un altro palazzo decisamente eclettico è la Quinta da Regaleira, un capriccio in stile neomanuelino commissionato dal magnate del caffè brasiliano Antonio Carvalho Monteiro e progettato dallo scenografo e architetto italiano Luigi Manini (costruito nel 1904 e 1910).
Il parco in cui il palazzo è immerso è meraviglioso: tra gli alberi altissimi si nascondono sentieri, strane architetture, grotte, passaggi “segreti”, statue, fontane e laghetti.
Il fulcro del parco è il pozzo di iniziazione, il Poço Iniciático: un pozzo profondo 27 m nel quale si può scendere lungo una scala a spirale che conduce a misteriose gallerie e ad un laghetto con fontane e giochi d’acqua.
Anche l’interno del palazzo merita una visita: molto meno affollato del Palacio de Pena, offre comunque bellissimi caminetti, affreschi e pavimenti a mosaico in vetro veneziano.
La Quinta da Regaleira è facilmente raggiungibile a piedi dal centro di Sintra, con una camminata in piano di circa 10 minuti.
A noi questo palazzo, immerso nel verde e dalla fantasia sfrenata, è piaciuto tantissimo e consigliamo di inserirlo nell’itinerario di visita di Sintra.

Cosa vedere a Sintra

Quinta da Regaleira – Palazzo

Cosa vedere a Sintra

Quinta da Regaleira – Parco

Cosa vedere a Sintra

Quinta da Regaleira – Parco

Cosa vedere a Sintra

Quinta da Regaleira – Parco

Cosa vedere a Sintra

Quinta da Regaleira – Cappella

4 – Palacio National de Sintra

Il Palacio National de Sintra, situato in prossimità del centro storico, spicca con i suoi comignoli conici bianchi. L’esterno, bianco con cornici giallo ocra, è decisamente meno appariscente degli altri palazzi della città, ma ha una storia millenaria che risale al XI secolo.
L’originale palazzo moresco divenne proprietà della corona portoghese dopo la conquista della città di Lisbona da parte di Afonso Henriques, il primo re del Portogallo, nel 1147.
Nel 1281, durante il regno dei Re Dinis e João I, il palazzo subì un ampliamento e sotto il re e Manuel I fu rinnovato in stile manuelino.
Gli interni sono in stile moresco e manuelino, con cortili arabeggianti e decorazioni in azulejos.
Purtroppo sempre per motivi di tempo abbiamo dovuto saltare la visita degli interni, anche a causa della lunghissima coda in ingresso. Se possibile, però, merita in assoluto una visita!

Cosa vedere a Sintra

Palacio National de Sintra

5 – Due passi per il centro storico

Il centro storico di Sintra, tutelato dall’UNESCO, è un saliscendi di viuzze lastricate dove si affacciano locali tipici, negozietti, pasticcerie e bar.
Il centro è molto piccolo e merita soprattutto alla sera, quando il caos diurno lascia il posto ad una piacevole quiete e ad una romantica calda atmosfera.
Di giorno il centro è molto popolato ma non perde quel fascino retrò che noi tanto amiamo!

Cosa vedere a Sintra

Municipio di Sintra

Cosa vedere a Sintra

Centro storico di Sintra

Cosa vedere a Sintra

Centro storico di Sintra

Cosa vedere a Sintra

Centro storico di Sintra

6 – Convento dos Capuchos

Il Convento dos Capuchos si trova fuori Sintra (a circa 7 km) e per raggiungerlo occorre prendere la macchina. Si tratta di un convento di frati cappuccini nascosto tra i boschi, costruito nel 1560 per ospitare i frati in piccolissime celle rivestite di sughero. La nostra guida (Lonely Planet) ne parlava in modo davvero entusiasta così abbiamo deciso di visitarlo a discapito del Palacio National de Sintra, ma onestamente ci ha un po’ delusi. Purtroppo il convento versa in uno stato di forte degrado. Sembra sia in programma un progetto di restauro e noi ci auguriamo che venga eseguito prima possibile, per poter far tornare questo posto al fascino di un tempo. Il biglietto familiare nel 2018 ha un costo di 22 euro, decisamente troppo per lo stato in cui si trova questo convento.

cosa vedere a sintra

Convento dos Capuchos

7 – Parque das Merendas

Se volete un parco dove riposare, il Parque das Merendas è perfetto: un ambiente piacevole con un paesaggio straordinario, all’ombra di grossi alberi dove poter fare un pic nic o dove potersi rilassare.
Questo parco si trova all’inizio de sentiero che porta al Palacio da Pena e al Castelo dos Mouros.

cosa vedere a sintra

Parque das Merendas

cosa vedere a sintra

Parque das Merendas

Cosa vedere a Sintra: dove dormire, il Moon Hill Hostel

Noi abbiamo prenotato su Booking una camera quadrupla al Moon Hill Hostel, l’ostello della città, il posto col miglior rapporto qualità – prezzo.
Non aspettatevi un ostello sporco, frequentato da gente solo giovane che si dà alla pazza vita notturna. Noi siamo una famiglia e ci siamo trovati benissimo!
Un posto moderno, pulito, con cura nel design che ci ha accolti a braccia aperte, dandoci anche tanti consigli su cosa vedere in zona.
Il Moon Hill Hostel è vicinissimo al centro città e ad un parcheggio gratuito, quindi una volta arrivati si può lasciare la macchina e girare comodamente a piedi.

cosa vedere a sintra

Moon Hill Hostel

Cosa vedere a Sintra: dove mangiare, il Caldo Entornado e la Fabrica das Verdadeiras Quejiadas da Sapa

Seguendo il consiglio della ragazza alla reception dell’ostello, noi abbiamo cenato nel locale adiacente all’ostello, il Caldo Entornado. Si tratta di un’ottima hamburgeria con prezzi onesti e una bella scelta.
La scelta è stata azzeccata.
Ci sono tantissimi locali dove cenare romanticamente nel vecchio centro di Sintra, ma tenete anche conto che sono moooolto turistici e i prezzi quindi sono molto meno onesti!

Per un dolcetto tipico, da provare le deliziose quejiadas (conchiglie di pasta ripiena con un mix di marzapane di formaggio fresco, zucchero, farina e cannella) che la pasticceria “Fabrica das Verdadeiras Quejiadas da Sapa” prepara dal 1756.

cosa vedere a sintra

Caldo Entornado

cosa vedere a sintra

Fabrica das Verdadeiras Queijadas da Sapa

cosa vedere a sintra

Queijadas

Cosa vedere a Sintra: una giornata ai limiti della fantasia

Una gita a Sintra è decisamente imperdibile se ci si appresta a visitare i dintorni di Lisbona. Ogni giorno dalla capitale portoghese partono numerose escursioni che portano in questa cittadina. In alternativa è possibile prendere il treno che parte dalla stazione Rossio.
Se possibile, però, meglio pernottare almeno una notte in città perché le cose da vedere sono davvero tante!
Un cittadina che offre palazzi quasi surreali, dove la fantasia ha superato di gran lunga la realtà. Una cittadina che offre anche tantissima natura, un perfetto connubio tra le sue bizzarre architetture e il contesto in cui esse sono inserite.
Infine una cittadina che ha una storia millenaria e unica da raccontare.

cosa vedere a sintra

Noi al Palacio da Pena

Print Friendly, PDF & Email
By |2018-10-17T09:09:56+00:00ottobre 17, 2018|Borghi, Borghi europei, destinazioni europa, Portogallo|0 Comments

About the Author:

daichepartiamo
Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

Leave A Comment