La Svizzera è una nazione che offre scenari e attrattive uniche da vivere in famiglia. Grazie alla sua rete ferroviaria efficiente, è possibile raggiungere gran parte delle destinazioni senza aver bisogno della macchina. In questo post vi vogliamo raccontare il nostro recente itinerario con il Trenino Verde delle Alpi, che ci ha portato alla scoperta di Thun, Spiez e del bellissimo lago Oeschinensee.

Tanti conoscono il Trenino Rosso del Bernina che, partendo da Tirano, arriva a Saint Moritz attraversando scenari mozzafiato e percorrendo una delle tratte ferroviarie più spettacolari al mondo.
Pochi però sanno che la linea ferroviaria del Bernina non è l’unica linea panoramica che collega l’Italia alla Svizzera.
Da Domodossola parte infatti un’altra linea ferroviaria molto interessante, la Linea del Lötschberger, gestita dalla compagnia svizzera BLS AG. Questa linea è percorsa dal Trenino Verde delle Alpi, che parte proprio da Domodossola e arriva fino a Berna, superando la Galleria del Sempione e attraversando molteplici paesaggi con scorci sulle bellissime Alpi Svizzere.
Il tragitto del Lötschberger attraversa gallerie, supera viadotti antichi e offre tantissime escursioni che possono essere abbinate al trasporto ferroviario: si possono effettuare escursioni in giornata oppure si può organizzare un itinerario che combini due o più tappe, raggiungibili tutte con l’efficiente sistema di trasporto elvetico.
Ricordate ad esempio il nostro weekend in Svizzera alla scoperta della Lötschental? Noi abbiamo raggiunto questa bella valle con il sistema di Car Transport da Domodossola (servizio sempre della BLS AG), ma questa zona può essere raggiunta dal Trenino Verde delle Alpi, partendo da Domodossola e giungendo a Goppenstein, da dove parte un autobus che porta fino alla Lötschental!
In questo post vogliamo raccontarvi un altro bellissimo itinerario che può essere fatto grazie a questo Trenino e che noi abbiamo appena sperimentato e vissuto!
Un magnifico itinerario di 3 giorni che ci ha portati alla scoperta delle bellissime cittadine di Thun e Spiez, affacciate sul suggestivo lago di Thun, e del meraviglioso lago alpino Oeschinensee, porta d’ingresso occidentale al patrimonio dell’umanità dell’Unesco Jungfrau-Aletsch. Un susseguirsi di paesaggi di incredibile bellezza e località perfettamente integrate nel Paradiso in cui sono state realizzate: la Svizzera che più ci piace!

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Il Trenino Verde delle Alpi

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera: il lago di Thun e il lago alpino Oeschinensee, un itinerario mozzafiato

Il nostro itinerario con il Trenino Verde delle Alpi è durato tre giorni. Siamo partiti da Domodossola il venerdì pomeriggio e siamo rientrati in questa città alla domenica sera.
In Svizzera abbiamo fatto due diverse tappe: una a Spiez, comoda per visitare il lago di Thun, e una a Kandersteg, comoda per poter raggiungere il bellissimo lago alpino Oeschinensee.
Non abbiamo avuto bisogno di noleggiare una macchina sul posto: ci siamo spostati solo con il treno o con mezzi raggiungibili comodamente con il treno.

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Spiez vista dall’alto

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera: il nostro itinerario step by step

Ecco come ci siamo spostati e cosa abbiamo visto in questi giorni in Svizzera, circondati dalle imponenti catene montuose patrimonio Unesco Jungfrau-Aletsch e affacciati sull’affascinante lago di Thun.

Giorno 1: Domodossola – Spiez

La prima tappa del nostro itinerario con il Trenino Verde delle Alpi ci ha portati da Domodossola a Spiez in circa un’ora e quarantacinque minuti. La stazione di Spiez è in zona collinare ma vicinissima al centro cittadino, circa 10 minuti a piedi in discesa (ovviamente preparatevi alla salita al ritorno, ma è fattibilissima! In alternativa da aprile ad ottobre si può utilizzare il trenino Spiezer Zugli che collega la stazione con il pontile di imbarco sul lago ). Una volta arrivati abbiamo dunque raggiunto a piedi il nostro hotel, il Seegarten Marina, un hotel tre stelle affacciato sul lago di Thun e a due passi dal castello di Spiez.
Terminato il check-in abbiamo raggiunto a piedi il punto di attracco del traghetto che collega le diverse località affacciate sul lago e abbiamo preso il traghetto diretto alla cittadina di Thun, compreso nel biglietto del treno BLS. L’attraversamento del lago l’abbiamo fatto al tramonto, con un’atmosfera romantica e suggestiva che, abbinata al fascino del lago cinto dalle meravigliose montagne dello Jungfrau, hanno reso questa piccola crociera un momento veramente magico.
Thun ci ha accolti con il suo frenetico centro storico, ricco di piccoli locali stracolmi di persone, e con il suo imponente Castello. E’ stato piacevole passeggiare, osservando i locali cimentarsi in acrobazie sulle tavole nel fiume Aar e dando la caccia alle sue coloratissime panchine di legno sparse un po’ ovunque. Abbiamo passeggiato in lungo e in largo, perdendoci nel suo centro storico e arrivando fino al castello ormai chiuso.
Abbiamo cenato in un grazioso locale lungo il fiume, con prezzi abbastanza buoni per essere Svizzera (attenzione che c’è di tutto, anche locali mooolto costosi! Guardate bene i menù prima di sedervi per non lasciarci un rene!), per poi ritornare con il treno a Spiez (circa 10 minuti di tragitto).

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Thun

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Crociera sul lago di Thun

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Castello di Thun

Giorno 2: Spiez – Kandersteg

Il nostro secondo giorno è stato dedicato alla scoperta della cittadina di Spiez, una graziosa e piccola cittadina attorniata da colli coltivati a vigneto, dominata da un bel castello e circondata da belle montagne patrimonio Unesco.
Dopo una gustosa colazione vista lago all’hotel Seegarten Marina, abbiamo raggiunto a piedi il castello, una struttura di origine medievale trasformata in un castello patrizio dal XII al XIII secolo. La visita è interessante e divertente anche per i bambini perché all’interno del castello, oltre a poter visitare le diverse sale arredate, nella sua torre possono travestirsi con abiti medievali o come cavalieri e divertirsi a scrivere con una penna intinta nell’inchiostro. Il panorama dalla torre, poi, è qualcosa di indescrivibile, soprattutto quello che spazia sul lago di Thun.
Terminata la visita al castello ci siamo rilassati nel verdissimo prato vicino alla baia del porto, dove abbiamo fatto anche un pic-nic vista lago e i bambini hanno potuto sfogarsi correndo e giocando al parco giochi vicino. Qui è presente anche un bar (bistrot Pura Vida) dove poter acquistare qualcosa da mangiare o da bere, i servizi igienici (puliti e gratuiti), un campo da minigolf e una piscina all’aperto.
Dopo pranzo abbiamo sfidato noi stessi e per la prima volta nella nostra vita siamo saliti su una canoa (si possono noleggiare proprio dietro al bistrot Pura Vida) per scoprire il lago tutti insieme in modo divertente! Abbiamo passato due ore fantastiche: ci siamo fatti mille risate, schizzati di acqua a più non posso, visto Spiez da un’angolazione nuova e fatto il bagno in una bella spiaggetta vista dalla canoa.
Spiez è stata una meravigliosa scoperta!
Verso sera abbiamo preso i nostri bagagli (lasciati in hotel) e ci siamo incamminati in stazione, per prendere nuovamente il Treno Verde delle Api, stavolta per raggiungere Kandersteg, dove abbiamo cenato e pernottato presso il Belle Epoque Hotel Victoria.
Anche in questo caso, abbiamo raggiunto comodamente l’hotel a piedi dalla stazione di Kandesteg (massimo 4 minuti di cammino in piano).

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Castello di Spiez

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Una sala del castello di Spiez

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Ci si diverte con i vestiti medievali nel castello di Spiez

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Panorama dal castello di Spiez

Giorno 3: Kandersteg – Oeschinensee – Domodossola

Dopo un’ottima e abbondante colazione, abbiamo raggiunto a piedi dall’hotel la cabinovia Oeschinen (circa 10 minuti di passeggiata in piano) e di qui siamo saliti a quota 1682 m slm per raggiungere uno dei laghi alpini più belli al mondo, il lago Oeschinensee.
Dall’arrivo della cabinovia fino al lago ci vogliono circa 20 minuti di camminata semplicissima, percorribile anche con i passeggini. Un bel sentiero largo e carrabile circondato dalle meravigliose montagne svizzere. Nel caso non vogliate camminare c’è un servizio di shuttle elettrico che porta avanti e indietro le persone dalla cabinovia al lago e viceversa (servizio a pagamento).
Quando siamo arrivati al lago siamo rimasti letteralmente senza parole! Mai visto nulla di più bello prima d’ora! Il suo colore verde smeraldo riflette il cielo e le montagne che lo circondano e la sua bellezza è amplificata anche dalle cascate che in esso si buttano.
E’ davvero un’oasi di pace, dove la natura è stata semplicemente generosa.
Noi abbiamo fatto una passeggiata costeggiando il lago e i bambini sono riusciti addirittura a fare il bagno: l’acqua era fredda ma con un po’ di coraggio ce la si può fare!
Chi lo desidera, può anche noleggiare una barchetta e remare in mezzo al lago… noi non abbiamo avuto abbastanza tempo per goderci questo spettacolo!
Per mangiare sono disponibili diversi ristoranti oppure è possibile fare un bel pic-nic nei prati o addirittura grigliare la carne comprando l’apposito kit nei pressi del lago.
Noi abbiamo mangiato presso il Berghotel Oeschinensee, situato in posizione panoramica vicino al lago, con un piccolo parco giochi per i bambini. Si tratta di un ristorante storico attivo dal 1892, gestito da ben 5 generazioni dalla famiglia Wandfluh! Si mangia benissimo!
Oltre al lago e alle belle passeggiate che si possono fare in quota (alcune però troppo lunghe e complicate da fare con i bambini) è possibile divertirsi sulla pista per slittino estivo che si trova presso la stazione a monte della cabinovia. Non è assolutamente pericoloso e si può regolare la velocità, quindi è adatto anche ai bambini (che salgono con i genitori). Il panorama che si gode sulla vallata mentre si sfreccia sullo slittino è strepitoso!
Verso metà pomeriggio abbiamo purtroppo dovuto lasciare questo Paradiso per tornare con la cabinovia a Kandersteg e di qui raggiungere la stazione ferroviaria del paese. Siamo saliti su un altro Trenino Verde, purtroppo stavolta per tornare in Italia!

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Lago Oeschinensee

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Passeggiata a lago Oeschinensee

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Slittino estivo

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Lo slittino estivo

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera: dove abbiamo dormito

Come già abbiamo accennato in precedenza, per il nostro itinerario in Svizzera abbiamo pernottato una notte presso l’hotel Seegarten Marina di Spiez e una notte presso il Belle Epoque Hotel Victoria di Kandersteg, entrambi comodissimi sia per raggiungere la stazione del Trenino Verde delle Alpi, sia per raggiungere i punti strategici del nostro itinerario.
L’hotel Seegarten Marina di Spiez è un hotel tre stelle che si affaccia sul meraviglioso lago di Thun e che si trova a due minuti a piedi dal castello di Spiez. Inoltre da questo hotel si raggiunge a piedi in pochi minuti sia il punto di attracco dei traghetti che portano alla scoperta del lago, sia il porticciolo di Spiez dove si trova il prato e tutte le attrazioni di cui vi abbiamo accennato in precedenza. L’hotel ha un ristorante interno, che non abbiamo provato visto che abbiamo cenato a Thun. La colazione però è abbondante e di ottima qualità e, in estate, è servita nella terrazza affacciata sul lago… meraviglia pura già di prima mattina!
La nostra camera era grande, arredata in stile si montagna e con un meraviglioso panorama sia sul lago che sul castello.

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Hotel Seegarten Marina visto dal lago

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Vista dalla terrazza per le colazioni de Seegarten Marina

Il Belle Epoque Hotel Victoria di Kandersteg è un hotel situato nel centro di Kandersteg a pochi passi dalla stazione e dalla cabinovia che porta al lago Oeschensee. Un hotel storico, con sale d’epoca davvero meravigliose, circondato da una grande e splendida area verde dove i bambini possono giocare. Le camere familiari sono molto spaziose (addirittura due camere) e arredate in modo funzionale e classico. Il ristorante, ospitato in una grande sala antica, offre menù a scelta chiusa di qualità ottima e una colazione abbondante e molto buona. L’hotel ha un’area giochi esterna e una interna per l’inverno, una piscina chiusa riscaldata (28 gradi), una sauna e diverse sale comuni dove potersi rilassare. Per le famiglie sono disponibili anche appartamenti situati in una palazzina limitrofa, dotati di tutti i comfort.

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Interno dell’hotel Belle Epoque Victoria

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

L’hotel Belle Epoque Victoria

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera: come organizzare il viaggio in treno e quanto costa

Organizzare un Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera è abbastanza semplice ma occorre sapere un po’ di informazioni per potersi gestire al meglio e magari risparmiare qualcosina.
Prima di tutto la linea ferroviaria del Trenino Verde è la Linea del Lötschberger ed è gestita dalla compagnia svizzera BLS AG. Questa linea parte da Domodossola e arriva fino a Berna e offre tantissime combinazioni di itinerario.

La Carta Giornaliera BLS

Per poter risparmiare esiste la Carta Giornaliera, una carta che costa 59 € per gli adulti e la metà per ragazzi da 6 a 16 anni non compiuti mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratuitamente.
La Carta Giornaliera include tutti i treni RE della linea Domodossola – Briga – Kandersteg – Berna (solo treni BLS), il treno Spiez – Zweisimmen, il battello per l’intero lago di Thun, il bus Goppenstein – Wiler (Lötschen) – Fafleralp (come vi avevamo spiegato nell’introduzione questo bus porta alla Lötschental) e il bus Kandersteg – Talstation Oeschinen.
Questa carta è acquistabile nelle diverse stazioni ferroviarie, presso il bar Regina davanti alla stazione di Domodossola o presso l’agenzia Monique Girod Viaggi di Domodossola.
Questa carta secondo noi è comodissima quando si desidera fare un itinerario in giornata sfruttando il più possibile la linea BLS.

La Carta Valida 2 giorni BLS

Se si desidera pernottare una o due notti in Svizzera si possono acquistare due carte giornaliere (una per l’andata e una per il ritorno) oppure, presso l’Agenzia Viaggi Monique Girod di Domodossola (l’agenzia convenzionata con questa tratta ferroviaria), è possibile comprare un pacchetto che comprende il biglietto del treno valido 2 giorni (da utilizzare entro 5 giorni dal primo utilizzo) e una o due notti in hotel in Svizzera. Il biglietto valido due giorni è più conveniente rispetto all’acquisto di due carte giornaliere, infatti costa 79 € per gli adulti e la metà per ragazzi da 6 a 16 anni non compiuti mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano sempre gratuitamente.
Per poter effettuare un itinerario come il nostro, questa soluzione è la migliore.
Si convalida infatti il biglietto il primo giorno (si scrive a penna la data) utilizzandolo per la tratta Domodossola – Spiez, per la navigazione sul lago di Thun e per il treno da Thun a Spiez. Si convalida poi l’ultimo giorno per tornare da Kandesteg a Domodossola. Purtroppo rimangono esclusi da questo prezzo il biglietto del treno che porta da Spiez a Kandersteg e la cabinovia Oeschinen, ma sicuramente si risparmia rispetto all’acquisto delle due carte giornaliere! Questa tipologia di biglietto, però, è acquistabile solo abbinata ad un pernottamento in suolo elvetico.
Valutate dunque in base a queste informazioni la soluzione per voi più conveniente!

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi

Punto foto all’Oeschinensee

Itinerario con il Trenino Verde delle Alpi in Svizzera: qualsiasi sia la meta, vi troverete in Paradiso!

La linea ferroviaria del Lötschberger attraversa una delle zone più belle della Svizzera, caratterizzata da paesaggi molto diversificati tra loro e da pittoresche e affascinanti cittadine.
I cosiddetti Trenini Verdi delle Alpi hanno grandi finestroni panoramici, sono moderni e ben equipaggiati.
Gli itinerari resi possibili da questa efficiente rete di trasporto sono tantissimi e possono essere effettuati in giornata oppure distribuiti su più giorni. Quello che abbiamo fatto noi questa volta e quello nella Lötschental che vi abbiamo già raccontato sono solo due delle tante possibili mete alternative raggiungibili grazie a questo trenino. Una possibile alternativa altrettanto bella è quella di raggiungere la città di Berna, capolinea di questa tratta ferroviaria, il cui centro storico è stato dichiarato patrimonio mondiale Unesco.
Sappiamo bene che soggiornare in Svizzera permette di godersi al 100% quello che questa zona offre ma sappiamo anche che è molto caro, soprattutto se si viaggia in famiglia. Nel caso i prezzi siano troppo inaccessibili, cercate di organizzare un itinerario in giornata, più economico e comunque bellissimo.
Qualunque sia la soluzione e la meta scelta, il Paradiso sarà lì, a portata di…treno!

Itinerario organizzato con la collaborazione di BLS AG, TALK (Tourismus Adeboden Lenk Kandersteg e di Spiez Marketing AG.

Print Friendly, PDF & Email