CIDNEON 2017: LA NOSTRA ESPERIENZA AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE LUCI A BRESCIA

NEL CASTELLO DI BRESCIA FINO AL 15 FEBBRAIO LA STORIA CAMBIA COLORE!

cidneon 2017

Eccoci appena tornati da uno degli eventi del 2017 che si prospettavano essere promettenti e interessanti già sulla carta e che non ci hanno affatto delusi: CidneOn 2017, il festival delle luci europeo che quest’anno è stato organizzato a Brescia. Le informazioni generali ve le ho già spiegate in questo post.
Ora vi voglio parlare della nostra esperienza: le nostre impressioni a caldo, qualche foto e suggerimento per chi vuole andare in questi giorni.
Ricordo subito che il festival CidneOn 2017 sarà allestito fino al 15 febbraio 2017 quindi sono pochi i giorni ancora a disposizione per poterlo ammirare.

CIDNEON 2017: LE INSTALLAZIONI

Il festival delle luci di Brescia, CidneOn 2017 si sviluppa in un percorso che coinvolge interamente il Castello di Brescia: in un percorso di circa un chilometro e mezzo sono state disposte 15 installazioni di diverso tipo. Si va dalle proiezioni, alle installazioni luminose fino alle performance live.
Le installazioni iniziano subito dalle mura esterne, dove si può assistere ad una videoproiezione sulle mura del Castello , realizzata da un giovane regista bresciano, Marco Santi: il video racconta con immagini, luci e suoni l’apparizione di San Faustino e San Giovita nel 1438, i santi patroni di Brescia.

cidneon 2017
Si accede poi al Castello tramite il portale di ingresso, il Portale del Leone che per l’occasione è messo in risalto da un’installazione luminosa di grande effetto.

cidneon 2017
Nel Piazzale della Locomotiva si può assistere all’installazione “Il Canto delle Origini” che con le sue quaranta maschere luminose, rappresenta il ritorno alle origini celtiche del Castello.

cidneon 2017       cidneon 2017
Il percorso poi porta alla Torre di Mezzo, illuminata dal racconto della storia di Brescia attraverso le parole di letterati e poeti.

cidneon 2017
Si varca il ponte Levatoio, anch’esso illuminato con un’installazione che evoca il Medioevo, e si entra nel cortile del Mastio dove viene raccontato lo spirito rivoluzionario del Rinascimento bresciano.

cidneon 2017        cidneon 2017
Percorrendo il “Sentiero verso la Torre dei Francesi” si attraversa un labirinto del tempo, uno spazio di transizione tra il passato remoto e quello prossimo di Brescia formato da tante corde colorate legate agli alberi, che si muovono con il vento a suon di musica.

cidneon 2017          cidneon 2017

Il sentiero conduce proprio alla Torre dei Francesi, dove è allestito il simbolo del CidneOn ovvero una fiamma alta 9 metri che rende omaggio alla Brescia capitale dell’industria, del lavoro e della tecnologia.

cidneon 2017          cidneon 2017
Attraversando il “Giardino della memoria” con i suoi fiori luminosi, si raggiunge l’Albero della Vita, una piccola copia del simbolo dell’Expo milanese del 2015.

cidneon 2017          cidneon 2017

cidneon 2017
Ad ogni ora presso la Fossa Viscontea si può assistere ad un concerto dal vivo con un incredibile spettacolo luminoso della durata di 20 minuti. Consigliamo vivamente di attendere l’inizio di questo spettacolo perché a nostro avviso è il punto forte di questo festival. Molto ma molto emozionante!

cidneon 2017           cidneon 2017

cidneon 2017
Si chiude il percorso con le ultime installazioni: una proiezione sulle mura, poi lungo una passeggiata che riporta il visitatore a contatto con la natura, in un giardino di luce ricco di fiori luminosi realizzato dai bambini bresciani.

cidneon 2017           cidneon 2017
Fermatevi qui e guardate verso il Castello illuminato e godetevi lo spettacolo che offre!

cidneon 2017

CIDNEON 2017: CONSIGLI E SUGGERIMENTI

Il sito dell’evento è questo.
Questo evento ha richiamato tantissime persone quindi la coda in accesso è lunga e occorre avere un po’ di pazienza. L’ingresso è unico quindi il flusso in ingresso viene regolato in modo tale che all’interno si riesca a girare tranquillamente.
Sconsigliamo se possibile di portare i passeggini perché sono solo di intralcio e in diversi punti vanno caricarti in spalla per poter proseguire: piuttosto mettete in bambini in marsupi, zaini o fasce oppure per i più grandicelli portateli in spalla.
Ci sono diversi servizi igienici dislocati lungo il percorso mentre all’esterno del castello si può mangiare pizza o panini in un punto ristoro allestito per l’occasione. All’interno invece non ci sono bar dove acquistare bevande o snack.
All’interno del percorso vi consigliamo di fare tappa al plastico ferroviario con treni in movimento perché merita (visita gratuita) e se avete tempo anche al museo delle Armi (visitabile a pagamento).

cidneon 2017
La zona intorno al Castello viene completamente bloccata al traffico per cui bisogna parcheggiare e arrivare a piedi oppure con una delle navette messe a disposizione gratuitamente da Via san Faustino e da Piazzale Arnaldo. Queste navette partono alle 17.30 e finiscono di circolare alle ore 01.00 con partenza ogni 10 minuti.
Da Piazzale Paolo VI (Piazza Duomo) è a disposizione anche un trenino gratuito dalle 17.00 alle 22.00.
Noi abbiamo parcheggiato al parcheggio Fossa Bagni di via San Faustino: di qui si può prendere la navetta oppure salire a piedi al Castello (fattibile anche con bambini ma meglio senza passeggino). Un altro parcheggio si può trovare in Piazzale Arnaldo.

Se avete il passaporto della Regione Lombardia (ve ne ho parlato qui) portatelo perché all’interno del punto ristoro si può apporre il timbro dell’evento! Chi non l’avesse può richiederlo e riceverlo direttamente.

cidneon 2017
Infine un ultimo consiglio… se potete andate a questo festival perché ne vale davvero la pena! E’ un evento completamente gratuito con lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale del Castello di Brescia. Noi già non vediamo l’ora di rivederlo l’anno prossimo!

Print Friendly, PDF & Email
By | 2017-04-28T12:12:38+00:00 febbraio 12th, 2017|Cultura, Eventi|0 Comments

About the Author:

daichepartiamo

Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

Leave A Comment