Da Domodossola, grazie alla linea ferroviaria privata BLS, è possibile prendere il treno e arrivare dritti fino a Berna, la capitale elvetica. In questo post vogliamo raccontarvi la nostra gita col Trenino Verde delle Alpi che ci ha portati alla scoperta di Berna e delle meravigliosa cittadina di Thun.

Dopo il nostro bellissimo weekend a bordo del Trenino Verde delle Alpi, che ci ha portati alla scoperta del lago di Thun e del lago Oeschinensee, ci siamo perdutamente innamorati di questa zona della Svizzera. Una zona che offre la possibilità di tantissime escursioni, immersi nella natura, circondati dalle montagne, tra graziose cittadine e laghi dal fascino fiabesco.
Grazie alla linea ferroviaria del Lötschberger, questa zona è facilmente raggiungibile dal Piemonte: un itinerario spettacolare che attraversa il Sempione, affianca le meravigliose e imponenti Alpi Svizzere, raggiunge l’Oberland Bernese e porta fino a Berna, la bella capitale elvetica il cui centro storico è stato dichiarato patrimonio mondiale UNESCO.
A bordo dei moderni treni regionali della compagnia svizzera BLS CH, è possibile raggiungere tantissime destinazioni da sogno anche in un’unica giornata, sfruttando le carte giornaliere disponibili.
Noi abbiamo fatto proprio così: abbiamo deciso di ripercorrere nuovamente la tratta ferroviaria del Lötschberger in giornata, arrivando fino al suo capolinea, ovvero a Berna. Approfittando poi del biglietto giornaliero, al ritorno abbiamo deciso di fermarci anche a Thun per rivedere questa bellissima località, che la volta precedente avevamo visto solo di sfuggita alla sera. Una giornata intensa ma semplicemente splendida!

gita col Trenino Verde delle Alpi
Il Treno Verde delle Alpi

Gita col Trenino Verde delle Alpi: con il treno alla scoperta di Berna e di Thun

Per poter effettuare una gita col Trenino Verde delle Alpi in giornata è necessario consultare bene l’orario dei treni sul sito della BLS CH, cercando di partire col primo treno utile e di tornare con l’ultimo treno in programma. Le combinazioni poi sono tantissime.
Ci si può concentrare sulla zona della Lötschental, che offre belle passeggiate nella natura, si può scendere a Kandersteg e salire in funivia al lago Oeschinensee, oppure si può esplorare il lago di Thun con una crociera a bordo dei battelli inclusi nel biglietto giornaliero del treno. Oppure, infine, si può fare come noi e raggiungere Berna.
Qualunque sia la scelta, la giornata sarà strepitosa!

gita col Trenino Verde delle Alpi
Berna vista dal Parco degli Orsi

Gita col Trenino Verde delle Alpi: il nostro itinerario in giornata fino a Berna

Noi siamo partiti da Domodossola col treno delle 7.58 e in poco più di due ore ci siamo ritrovati a Berna! Il viaggio è stato piacevolissimo: i treni della BLS sono comodi, moderni e spaziosi… ma d’altronde sono svizzeri! Il paesaggio che si può ammirare dai finestrini è incantevole: le Alpi creano una cornice perfetta, alternandosi ai verdi prati, ai bei villaggi e all’affascinante lago di Thun.
Il treno è arrivato a destinazione puntualissimo, come da programma. Il centro storico e i maggiori punti di interesse di Berna sono raggiungibili a piedi dalla stazione, così non abbiamo perso tempo e abbiamo iniziato la nostra scoperta della capitale svizzera.
Abbiamo avuto anche la fortuna di capitare in città durante una manifestazione ciclistica amatoriale, grazie alla quale abbiamo avuto a disposizione un centro storico totalmente libero dalle macchine! Fortunati vero?
Berna è una città costruita su un’ansa del fiume Aare, con origini risalenti al XII secolo, ed è indubbiamente la città delle fontane: il suo centro ne è pieno e tutte offrono acqua fresca potabile. La sua via principale, la Gerechtigkeitsgasse, presenta quelle più belle e famose: i bambini sicuramente sono incuriositi dalla Fontana del mangiatore di bambini!
La città vecchia presenta ancora la sua impronta medievale.
Dopo aver percorso parte della Gerechtigkeitsgasse e aver passeggiato sotto ai suoi bei portici, ci siamo recati verso la Cattedrale e siamo saliti sul suo campanile, che regala una vista mozzafiato sulla città. Imperdibile!
Per rilassarci e fare un pic-nic, abbiamo ripreso la Gerechtigkeitsgasse e ci siamo diretti verso il Parco degli Orsi, un parco cittadino affacciato sul fiume Aare, famoso perché ospita la Fossa degli Orsi, ovvero la casa di 4 orsi bruni che qui vivono in un grande spazio che riproduce il loro habitat naturale. L’Orso non a caso è il simbolo della città! Questo parco offre anche una delle viste più belle di profilo di Berna ed è un posto piacevole per sedersi ad ammirare i Bernesi praticare sport acquatici lungo il fiume.
Dopo esserci rilassati siamo tornati in centro e ci siamo fermati a sentire i rintocchi della Torre dell’Orologio, uno dei simboli della città, con un orologio risalente al 1530.
Ci siamo recati poi verso la piazza del Parlamento e di qui abbiamo concluso il tour della città vagando un po’ a zonzo tra le sue piazze e le sue viette e, passando per la bella Bärenplatz, ci siamo incamminati verso la stazione per prendere il treno delle 15.39.

gita col Trenino Verde delle Alpi
La Torre delle Prigioni
gita col Trenino Verde delle Alpi
La Cattedrale di Berna
gita col Trenino Verde delle Alpi
Gerechtigkeitsgasse Berna

In meno di 10 minuti ci siamo trovati a Thun, la bellissima cittadina da cui prende il nome l’omonimo lago, dominata da un bel castello bianco, con una moderna e graziosa chiesa, attraversata anch’essa dal fiume Aare e ricca di graziosi localini dove cenare o bere qualcosa. Non siamo entrati nel castello ma ci siamo limitati a perderci a zonzo per i suoi vicoli e ci siamo seduti ad ammirare i locali che si cimentavano nel surf tra la corrente generata dalla chiusa del fiume Aare. Ci siamo letteralmente riempiti gli occhi di pura bellezza.
Senza neanche accorgerci il tempo è passato e ci siamo dovuti incamminare in stazione per prendere il treno delle 18.01, che è arrivato a Domodossola pochi minuti prima delle 20.00 di sera. Un orario perfetto per gustarci una pizza (c’è una pizzeria proprio davanti alla stazione di Domodossola, la Piazzetta, dove abbiamo mangiato molto bene) prima del rientro a casa.

gita col Trenino Verde delle Alpi
Thun
gita col Trenino Verde delle Alpi
Il castello di Thun

Gita col Trenino Verde delle Alpi: informazioni importanti per poter organizzare il viaggio

Per poter effettuare un itinerario in giornata conviene senza dubbio acquistare una carta giornaliera che, al momento di stesura di questo post, costa 59 euro per gli adulti e la metà per ragazzi da 6 a 16 anni non compiuti mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratuitamente.
La carta può essere acquistata presso il bar Regina davanti alla stazione di Domodossola o presso l’agenzia Monique Girod Viaggi di Domodossola.
La carta giornaliera include tutti i treni RE della linea Domodossola – Berna (solo treni BLS), il treno Spiez – Zweisimmen, il battello per l’intero lago di Thun, il bus Goppenstein – Wiler (Lötschen) – Fafleralp e il bus Kandersteg – Talstation Oeschinen.
Per sfruttare la carta conviene abbinare un paio di destinazioni oppure abbinare l’itinerario in treno con una minicrociera in battello sul lago di Thun.

E’ importante poi fare attenzione quando si prende il treno al ritorno partendo da Berna o Thun perché, mentre il Trenino Verde che parte da Domodossola porta direttamente a Berna, quello che viaggia da Berna a Domodossola viene diviso a Spiez: mentre le due carrozze di testa proseguono in direzione Briga-Domodossola, le ultime due proseguono verso Zweisimmen. Quando salite sul treno controllare la direzione indicata sulla carrozza o chiedete al personale in servizio. Se optate per il nostro itinerario, non avrete problemi da Berna a Thun in quanto la divisione del treno avviene alla stazione successiva di Spiez. Dovrete prestare invece attenzione a prendere il treno corretto da Thun!

Gli orari che abbiamo indicato nel nostro itinerario si riferiscono al 2019. Meglio verificare eventuali cambi di orario sul sito ufficiale.

gita col Trenino Verde delle Alpi
Panorama di Berna da campanile della Cattedrale

Gita col Trenino Verde delle Alpi: dove dormire a Domodossola

Per sfruttare la giornata conviene prendere il treno molto presto. Se come noi vivete un po’ lontani dalla stazione, conviene trovare un posto dove dormire in città o nei suoi dintorni. Noi abbiamo prenotato su booking un piccolo appartamento presso Il Borgo di Monica, un piccolo borgo di case ristrutturate, posto in posizione panoramica nella Borgata Asparedo. I prezzi sono onestissimi e l’appartamento è confortevole!
Questa località si trova a circa 15 minuti dalla stazione e offre la possibilità di fare tante passeggiate lungo i sentieri di Vagna e delle sue frazioni, come quella che porta in circa mezz’ora al Sacro Monte Calvario. Nei pressi dell’appartamento si trova anche un antico torchio per l’uva risalente al 1612, visitabile liberamente.

gita col Trenino Verde delle Alpi
Borgo di Monica a Domodossola

Gita col Trenino Verde delle Alpi: una giornata praticamente perfetta!

Dopo aver percorso più volte la linea del Trenino del Bernina, quest’anno abbiamo deciso di scoprire quello che offre quest’altra tratta ferroviaria svizzera. La linea del Lötschberger non ha nulla da invidiare alla più famosa linea che collega Tirano a Saint Moritz. E’ forse meno bella panoramicamente (ma pur sempre bella), ma è altrettanto ricca di escursioni meravigliose da fare in giornata oppure su più giorni.
Le diverse opportunità sono una più bella dell’altra e si ha solo l’imbarazzo della scelta. Non sarà facile fare questa scelta… qualunque meta sceglierete avrete poi il desiderio di tornare per vederne un’altra!

Print Friendly, PDF & Email