Visita al Parco Sigurtà: i colori della Tulipanomania

Il Parco Giardino Sigurtà è una magnifica oasi naturalistica che si trova nei pressi del Lago di Garda, a Valeggio sul Mincio. Ben 600.000 metri quadrati di boschi, prati e meravigliosi fiori in cui passeggiare e rilassarsi. Un parco dove le fioriture si alternano nel corso delle stagioni, regalando spettacoli floreali di incredibile bellezza.

Il Parco Giardino Sigurtà, comunemente chiamato Parco Sigurtà, è una delle oasi verdi più belle di Italia. La storia di questo parco ha origine nel 1407 quando Gerolamo Nicolò Contarini acquistò alcune terre coltivate circondate da una muraglia e fece costruire una villa circondata da un piccolo giardino. Nei secoli il giardino è stato ingrandito e abbellito dai proprietari che l’hanno posseduto, divenendo via via un luogo destinato ad intrattenere gli ospiti della villa.
Fino all’arrivo di Carlo Sigurtà che, acquistato il terreno, ne decise l’apertura al pubblico nel 1978.
A 40 anni dalla sua apertura al pubblico, questo meraviglioso parco ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti che l’hanno fatto arrivare nel 2015 al secondo posto della classifica dei parchi più belli d’Europa.

visita al parco sigurtà

Laghetto fiorito

Visita al Parco Sigurtà: un tesoro di colori e profumi vicino al lago di Garda

Nell’incantevole cornice del lago di Garda e situato a Valeggio sul Mincio in provincia di Verona, questo parco offre ben 600.000 metri quadrati di prati, di boschi secolari e di fioriture che si alternano nel corso delle stagioni.
Uno degli appuntamenti più belli e spettacolari del Parco ha luogo tra fine marzo e i primi giorni di maggio: la Tulipanomania ormai è un evento conosciuto nel panorama internazionale, una delle fioriture di tulipani più importanti al mondo.

Oltre un milione di tulipani colorano il parco insieme a giacinti, muscari e narcisi dando vita ad uno spettacolare paesaggio con effetti cromatici strepitosi.

Noi abbiamo avuto la fortuna di visitare il parco a inizio aprile, proprio in corrispondenza di questo speciale appuntamento. Sebbene il parco sia fiorito in ogni stagione e meriti sempre una visita, crediamo che questo sia il periodo più magico ed emozionante per scoprirlo.

visita al parco sigurtà

Piccola fotografa all’opera

Visita al Parco Sigurtà: la Tulipanomania

La Tulipanomania del Parco Giardino Sigurtà è la fioritura di tulipani più importante a livello nazionale e del Sud Europa e colora il parco tra fine marzo, aprile e fino ai primi giorni di maggio.
Il Parco in questo periodo si riempie di più di un milione di tulipani di oltre 300 varietà diverse, oltre ad altri fiori come muscari, narcisi, allium, myosotes, fritillarie e giacinti, disposti in forma libera o in aiuole con composizioni studiate nell’accostamento del colore.

Tulipani di tutti i colori creano uno spettacolo intorno all’Eremo, il tempietto in stile neogotico che si affaccia sul Grande Tappeto Erboso.

Ma l’unicità e la particolarità di questo evento lo si può ammirare nei 18 laghetti con 300 aiuole galleggianti fiorite: una meraviglia di colori e riflessi che non può essere descritta a parole.
Questa fioritura è ovviamente legata alle condizioni climatiche del periodo: quest’anno ad esempio il freddo ha fatto rallentare la fioritura di questi splendidi fiori. Per chi non vuole perdersi nemmeno un attimo l’evolversi di questa magnifica fioritura, è disponibile lo speciale abbonamento Tulipanomania, che permette di entrare al Parco tutti i giorni dall’8 marzo al 30 aprile 2018 a tariffe vantaggiose.

visita al parco sigurtà

Una particolare varietà di Tulipani

visita al parco sigurtà

Tulipani nelle aiuole

visita al parco sigurtà

Altre aiuole fiorite

Visita al Parco Sigurtà: alla scoperta del parco

Il Parco Giardino Sigurtà non è solo la Tulipanomania: in ogni periodo dell’anno offre fioriture e angoli da scoprire.

Da maggio a settembre è imperdibile la fioritura delle rose, che colorano il Viale delle Rose: un chilometro colorato da 30.000 rose di due varietà (Queen Elizabeth e Hybrid Polyanta & Floribunda).

Da maggio ad ottobre si può ammirare lo spettacolo di 30 varietà di dalie e di altre centinaia di piante annuali nel Viale delle Aiuole fiorite.

In estate i 18 laghetti, non più ornati dai tulipani nelle aiuole galleggianti, si riempiono di ninfee diurne, notturne e tropicali che si colorano con fiori di loto, ibischi lacustri, giacinti d’acqua e papiri.

La stagione autunnale è invece caratterizzata dalla fioritura degli Aster o Settembrini e il foliage fa da protagonista con le sue tonalità di arancioni, gialli e rossi.

In ogni stagione ci si può rilassare sul Grande Tappeto Erboso, un’immensa distesa verde smeraldo dove dimorano carpe giapponesi e ninfee rustiche e tropicali. Sui prati del Parco è possibile correre, sdraiarsi e rotolarsi: i bambini possono sfogarsi e divertirsi negli ampi spazi a disposizione avendo solo cura di non rovinare piante e fiori.

I bambini, ma non solo, non riusciranno a resistere al fascino del Labirinto. E’ sempre divertente perdersi in 2500 metri quadrati di vialetti, delimitati da 1500 piante di tasso, al centro dei quali si staglia una torre, che si ispira a quella del parco di Bois de Boulogne di Parigi, sulla quale si può salire per poter ammirare l’intero percorso. Quest’opera è nata dal progetto del Conte Sigurtà in collaborazione con Adrian Fisher, uno dei più conosciuti maze designer del mondo.

Sempre per i bambini è a disposizione la Fattoria Didattica, un’area ludico-didattica con asini, pecore, caprette, galline, tacchini e anatre.

Il Parco è abitato da alberi secolari, tra i quali centinaia di querce. Tra di esse spicca la Grande Quercia, ben 4 secoli d’età, uno degli alberi più antichi del Parco: un tronco di 6 metri di circonferenza ed una enorme chioma che, quando ha le foglie, raggiunge 120 metri di circonferenza.

Nel Parco, infine, non mancano i luoghi di interesse storico che testimoniano la storia secolare del Parco stesso: il già citato Eremo e il Castelletto, sede di incontri nel passato tra scienziati e premi Nobel. In diversi punti del Parco, poi, lo sguardo può arrivare fino al Castello Scaligero di Valeggio s/M, che per strani effetti ottici sembra essere all’interno del Parco.

visita al parco sigurtà

Il Grande Tappeto Erboso

visita al parco sigurtà

Il Viale delle Rose

visita al parco sigurtà

Il Labirinto

Visita al Parco Sigurtà: come muoversi nel Parco

Il Parco ha un percorso di circa 6 chilometri su sentieri in porfido e può essere visitato in diversi modi:

  • a piedi: è il metodo che permette di godersi il parco nel migliore dei modi, con i propri ritmi e preferenze. All’ingresso viene data una macchina in modo da poter girare nel Parco senza problemi. Se si è più di 25 persone si può prenotare una visita di gruppo al costo di 4,00€ a persona.
  • a bordo di un trenino panoramico, ad un costo di 3,50 € a persona (gratuito per i bambini inferiori al metro di altezza e per i disabili al 100%). Mentre si percorrono i viali sul trenino una voce guida racconta in tre lingue (italiano, inglese e tedesco) la storia del Parco.
  • In bicicletta propria o noleggiata sul posto (il costo orario per una bicicletta standard è di 3,00€, per una bicicletta elettrica è di 6,00€).
  • Su shuttle elettrico, accompagnati da una guida professionista (in italiano o inglese) per circa un’ora e fino ad un massimo di 13 visitatori per tour. Il servizio ha un costo di 5,90 € per l’adulto e 3,90 € per ragazzi di età compresa tra 5 e 14 anni (gratis per i bambini inferiori al metro di altezza).
  • In golf-cart elettrici (massimo 4 persone con guidatore munito di patente B) che permettono di visitare il Parco grazie ad una guida con sistema di rilevamento satellitare GPS in quattro lingue (italiano, inglese, tedesco, francese). Il noleggio del golf-cart ha un costo orario di 18,00 €
visita al parco sigurtà

Impossibile non scattare foto…tentativo di foto fashion 🙂

visita al parco sigurtà

Ma quante foto abbiamo fatto???

Visita al Parco Sigurtà: informazioni generali

Il Parco Sigurtà è aperto da marzo a novembre (quest’anno dall’8 marzo all’11 novembre 2018) tutti i giorni con orario continuato.
Nei mesi da aprile a settembre dalle 9.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle 18.00).
Nei mesi di Marzo, ottobre e novembre dalle 9.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.00).
Per i prezzi e le tariffe agevolate di accesso si rimanda al sito.

Nel Parco sono presenti sette punti ristoro, dislocati in diverse zone, che vendono bibite fresche, snack, panini, focacce, pizzette, gelati e caffè.

Il Parco Sigurtà si trova a Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona. Per raggiungerlo in automobile bisogna prendere l’Autostrada A4 Milano-Venezia e uscire a Peschiera del Garda, percorrendo poi 8 km in direzione Valeggio sul Mincio.

Nel Parco non si può giocare a pallone né portare animali, esclusi i cani guida.

Il Parco Sigurtà è una meta ideale e perfetta per un city-break: una sosta rigenerante immersi nella natura e nei colori di un posto meraviglioso, all’ombra di alberi secolari e con la possibilità di potersi sdraiare e rotolare sulla soffice erba. Sentieri che costeggiano aiuole fiorite, panorami mozzafiato sulla campagna circostante e tanti angoli dove il relax e la quiete regnano ancora sovrani.

visita al parco sigurtà

I magnifici colori del Parco

Link utili

Se volete scoprire orari e prezzi aggiornati, nonché le novità della stagione, potete consultare il sito del Parco.
Se volete fermarvi in zona vi consigliamo una visita a Sirmione, uno splendido borgo sul Lago di Garda.
Vi consigliamo poi una visita a Borghetto, piccola frazione di Valeggio sul Mincio, a pochi chilometri dal Parco Giardino Sigurtà: un borgo meraviglioso, ricco di mulini e angoli spettacolari.

visita al parco sigurtà

visita al parco sigurtà

Foto di Angelica Rossi Ventura

Print Friendly, PDF & Email
By | 2018-04-11T21:51:03+00:00 aprile 11, 2018|destinazioni italia, parchi, Parchi Italia, Veneto|0 Comments

About the Author:

daichepartiamo
Siamo Sara e Andrea, proprietari di questo blog! Ci piace viaggiare e scoprire il mondo con i nostri bambini. Amiamo la natura, il mare e vorremmo tanto tornare in Australia! Ce la faremo?

Leave A Comment